Hoara Borselli parla del rapporto tra Andrea Zenga e il padre Walter

Hoara Borselli ospite a Live Non è la d’Urso parla del rapporto tra Andrea Zenga e il padre Walter

Hoara Borselli è stata ospite di Barbara d’Urso per parlare del suo ex compagno, Walter Zenga, al centro del gossip per il rapporto ‘assente’ avuto col figlio, Andrea, ora concorrente del Grande Fratello Vip.

La donna è stata dal 1996 al 2002 compagna del calciatore. Roberta è la madre di Andrea e Nicolò. E Hoara è stata la compagna dell’uomo dopo la fine del suo matrimonio.

Nicolò sembra lasciare la porta aperta nei confronti del padre mentre Andrea è più titubante rispetto ad un recupero del rapporto, come ammesso durante la diretta del talent show. Queste le prime dichiarazioni di Hoara, in studio:

Io di Walter conservo un dolce ricordo e una grande stima. Reciproca. Sono certa che oggi, a parti invertite, ci sarebbe lui qui a difendermi. L’immagine che sta uscendo di Walter è distorcente rispetto a quello che ho conosciuto io e con cui ho vissuto. Sono testimone di un difficile rapporto di separazione. Ad oggi, per molti padri è difficile gestire una separazione… immagina un padre che era a vivere con me negli Stati Uniti. Abbiamo preso un punto d’appoggio a Milano per venire a trovare i bambini e andavamo ad Ancona. Loro vivevano nella casa della moglie con il suo nuovo compagno”.

Hoara ha poi aggiunto altri dettagli sulla vicenda:

“Ci tengo a precisare che rispondo di quegli anni che ho vissuto… Non vedeva l’ora di tornare dagli Stati Uniti per trovarlo. Un rapporto difficile. Si valuta sempre la posizione dei figli e non ci si mette mai nella parte dei padri separati. Vorrebbero viverli di più. Io stessa, in prima persona, ho sempre cercato di fare un passo indietro per permettergli un’esclusività per il poco tempo che potevano passare insieme”.

Si sono poi riascoltate le parole di Andrea che ricorda di non avere un’impronta del padre (“Vorresti sapere come siamo cresciuti? Non te ne frega niente… Non posso dire se mi è mancato oppure no…”).

E la Borselli, infine, ha concluso così il suo intervento:

“Io posso dire una cosa. Di questo ragazzo, che me lo ricordo piccolo… Io riconosco in Andrea un rancore, una rabbia che mi appartiene. Anche io sono figlia di genitori divorziati. Mia madre ci ha cresciute completamente da sola, inclusa gli agi che avrebbe potuto avere. Anche io ho provato questo rancore. Lo giustifico fino a 15 anni. Ora i figli di Walter sono uomini, è un rapporto alla pari, non sono più bambini. Credo che anche un genitore debba far capire che non è utile a nessuno. Sicuramente Walter ha fatto errori, però il confronto, la chiusura… Questo non lo concepisco. Qualcosa di buono avrà fatto quest’uomo. Questa è una cosa importante. Trasformare il rancore perché non porta a niente“.