Una fan di Damiano David ha affermato che il cantante le avrebbe rifilato un’occhiataccia e lui si è scusato via social.

Damiano David si è pubblicamente scusato con una fan a cui avrebbe rifilato un’occhiataccia durante un suo concerto. La ragazza – per sua stessa ammissione – teneva tra le mani un cartellone con scritto:“Sono stata Coraline per 7 anni, ora grazie anche a voi sono di nuovo Alice”. Il brano a cui ha fatto riferimento, Coraline, è stato dedicato da Damiano David alla sua ragazza, Giorgia Soleri, e forse proprio per questo il cantante potrebbe essersi infastidito nel leggere la frase del suo cartellone.“Scusa per l’occhiataccia. Non era mia intenzione. Grazie di essere venuta”, ha scritto via social il cantante dopo che la ragazza ha manifestato il suo dispiacere per quanto accaduto.

Damiano David
Damiano David

Damiano David si scusa con una fan

Da vero gentleman Damiano David ha porto le sue scuse a una giovane fan che ha partecipato a uno dei suoi ultimi live dedicando a lui e alla sua band un cartellone. L’ammiratrice dei Maneskin aveva menzionato il brano Coraline per una sua vicenda personale, ma si dà il caso che la canzone sia stata dedicata da Damiano David alla sua fidanzata, Giorgia Soleri, e forse proprio questo può aver infastidito il cantante, che senza volerlo avrebbe lanciato un’occhiataccia all’indirizzo della giovane fan.

“Sono la ragazza col cartellone di Coraline, so bene che l’hai letto… volevo chiederti scusa se ti ho ferito in qualche modo visto la tua reazione brusca. Forse ho avuto aspettative troppo alte, ma sono uscita dall’ospedale apposta per voi e che ne so, un saluto”, aveva scritto lei attraverso i social attendendo la risposta di Damiano.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 24-06-2022


LDA, l’ex fidanzata in lacrime al concerto: “Non l’ha superata”

Jovanotti: “Ho smesso di mangiare carne, gli allevamenti intensivi sono inaccettabili”