Massimiliano Rosolino è stato costretto a rispondere dopo che contro di lui si è scatenata una bufera per una sua foto sulle Dolomiti.

Proprio mentre alla Marmolada proseguono le ricerche dei dispersi e dei morti causati da una valanga, il campione Massimiliano Rosolino ha postato una foto in cui è ritratto sorridente sotto le Dolomiti, proprio nei pressi del luogo della tragedia. “Chi non ride non vince“, ha scritto il campione, che è stato immediatamente travolto d’insulti. Rosolino a seguire si è scusato e ha spiegato che la foto sarebbe stata scattata prima della tragedia:

“Ho pubblicato le immagini senza pensare al disastro, anche perché la Marmolada è più in là. (…) Ovvio che non lo rifarei. Chiedo anche scusa, ma sottolineo che in certe reazioni c’è molta ipocrisia. Non mi risulta, ad esempio, che dopo la disgrazia da quelle parti si sia smesso di vivere e di condurre la consueta normalità quotidiana, serale e notturna, al netto del dolore per quanto è accaduto: perché allora accanirsi contro quella foto?”, ha scritto via social.

Massimiliano Rosolino: le critiche per la foto alle Dolomiti

Massimiliano Rosolino si è scusato per il suo ultimo scatto via social, dove era ritratto sorridente nei pressi delle Dolomiti, dove negli ultimi giorni una violenta valanga ha causato morti e dispersi. Il campione si è però scagliato anche contro alcuni atteggiamenti ipocriti, e ha ricordato che la vita va avanti nonostante le tragedie.

“Sorrido, per pensare comunque positivo, anche se le vicende non sono liete: ad esempio, ho una compagna russa che non vede la madre da due anni e che adesso sente il clima pesante legato a quanto sta accadendo in Ucraina; eppure cerchiamo di andare avanti”, ha scritto via social. La sua replica basterà a placare le polemiche?

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 07-07-2022


Grave lutto per Paolo Belli, il messaggio: “Ciao mamma”

Paura per Federico Rossi: incidente in wakeboard, tre costole rotte