Dopo aver sollevato l’ira del vescovo di Sanremo Achille Lauro è finito anche nel mirino del Codacons per la sua esibizione al Festival di Sanremo 2022 (dove ha finto di “auto-battezzarsi” sul palco).

Il Codacons contro Achille Lauro

Si è scatenato un vero e proprio putiferio contro Achille Lauro che, durante la prima serata del Festival di Sanremo 2022, ha inscenato il suo battesimo sul palco dell’Ariston. Oltre ad aver scatenato l’ira di alcuni membri della Chiesa la sua esibizione è finita anche nel mirino del Codacons, il cui presidente (Carlo Rienzi) ha fatto sapere di essere intenzionato a sporgere denuncia contro l’artista e chiedere inoltre che Papa Francesco intervenga sulla questione: “Il rispetto per gli altri dovrebbe essere il primo dovere del servizio pubblico”, ha fatto sapere Rienzi ad Adnkronos, e ancora:

“Abbiamo deciso di sottoporre quanto accaduto ieri all’Ariston all’attenzione della magistratura, affinché verifichi se l’esibizione di Achille Lauro possa configurare una offesa al sentimento cattolico e ai simboli della cristianità (…) Invieremo il video della performance a Papa Francesco, perché esprima una ferma condanna nei confronti della Rai”. Lauro per il momento non ha rotto il silenzio in merito alle polemiche sul suo conto (e che, del resto, non erano mancate neanche durante le sue precedenti esibizioni a Sanremo).

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 03-02-2022


Blanco, il bacio con Mahmood: “Ma abbiamo anche litigato”

Morgan contro Sanremo: “Quando sarò io il direttore artistico…”