Ospite a Verissimo Carlotta Mantovan, vedova di Fabrizio Frizzi, ha parlato del suo rapporto con la fede e della presenza del conduttore nella sua vita.

Carlotta Mantovan ha rilasciato la sua prima intervista a Verissimo a 4 anni dalla scomparsa di suo marito, il conduttore Fabrizio Frizzi. La giornalista ha parlato di quanto oggi la sua presenza sia ancora fortissima nella sua vita e di come ami ricordarlo insieme alla loro figlia, la piccola Stella. “La fede? Ci credo, ho segnali che non possono essere casualità. Quindi sì, ci credo, prima invece ero più scettica”, ha affermato la Mantovan, che ha ammesso di aver sentito Frizzi vicino soprattutto quando si è trovata difronte a un fiore giallo o a una coccinella gialla (il giallo era il colore preferito del conduttore scomparso).

Carlotta Mantovan
Carlotta Mantovan

Carlotta Mantovan: il rapporto con la fede

Oggi Carlotta Mantovan è riuscita a ricostruire un equilibrio e a trovare una nuova serenità dopo la tragica e prematura scomparsa del conduttore Fabrizio Frizzi, padre di sua figlia Stella. Dopo il lutto la giornalista si è trasferita in Francia insieme alla figlia Stella, ma ha confessato che adesso i tempi sarebbero per lei maturi per tornare in Italia.

“Vivo in Francia, è stata una scelta difficile, presa non radicalmente. Non ho detto: “Ora vado via”. Dovevo prendermi cura di me e di Stella, dovevo fare una pausa dalla mia vita romana e immergermi nella natura. Oggi sto bene e sono pronta a tornare, ho compiuto un cammino che mi ha fortificato. Stella è fantastica, si trova bene in Francia e in Italia”, ha dichiarato Carlotta Mantovan, che in tanti sperano di vedere presto di nuovo in tv.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 31-10-2022


La tenera dedica di Jonathan Kashanian a Aurora Ramazzotti: “Le donne incinte hanno una luce speciale in viso”

GF Vip, Antonino Spinalbese contro Edoardo: “Ha detto che sono un mezzo padre”