Convivere con l’ex marito, pur essendo da anni separati. Può accadere se ti chiami Barbara Alberti. “Non abbiamo mai visto un avvocato, non è possibile che un avvocato decida quando un padre e una madre debbano vedere i figli”, ha raccontato la scrittrice a La Confessione a proposito del suo rapporto con Amedeo Pagani.

Non lo abbiamo mai deciso. Ci siamo lasciati, abbiamo trovato altri amori. Poi quando è finita la sua storia cercava una casa ed è tornato. Non eravamo più obbligati l’uno con l’altro. Non c’era più il fatto di essere sposati. C’era la gioia e non il controllo. Quando si diventa coppia ci si mente, non si consegnano più i pensieri all’altro. Noi non ci siamo mai mentiti”.

La Alberti ha anche affrontato il tema dell’utero in affitto, mostrandosi nettamente contraria: “Mi meraviglio che qualcuno sia a favore e che passi per una cosa di sinistra.  L’utero è mio, ma non è in vendita. Io concepisco un figlio per venderlo? È una schiavitù. Hanno buttato la cosa addosso ai gay, ma l’80 per cento è etero, sono dei ricchi che non si vogliono sciupare il vitino. E’ un privilegio da ricchi. Prima i figli si facevano con la cameriera. Non ho mai visto una ricca che fa un atto d’amore verso una povera. Se è un atto d’amore, allora scambiamocelo. Che atto d’amore è? È una compravendita schifosa. L’idea che passi per una cosa di sinistra mi manda ai matti”.

Non sono mancate nemmeno critiche alle femministe di oggi: “Adesso badano solo al linguaggio. Se uno dice: ‘che tette’ scoppia l’inferno e magari, invece, a una donna può piacere sentirselo dire. Se non è volgare, se è un omaggio, è piacevole”.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - GOSSIPBLOG

barbara alberti

ultimo aggiornamento: 31-10-2021


Sabrina Salerno: “Per anni ignorata da mio padre”

Gossip: le notizie del 31 ottobre 2021