La showgirl Antonella Elia si è resa protagonista di una terribile gaffe durante la diretta di Citofonare Rai2.

Antonella Elia si è resa protagonista di un terribile scivolone a Citofonare Rai2, dove – in collegamento da Vieste – ha presentato in diretta le sue ospiti, ossia delle signore del posto. “Queste signore sono troppo simpatiche, si divertono, fanno divertire, mangiano, bevono e ballano. Viva la vita”, ha dichiarato la showgirl, che a seguire ha presentato la signora Mia (di 90 anni) e le ha chiesto:

“Signora bella, mi dica la verità, la passione tra lei e suo marito è sempre vivissima come all’inizio?”. La signora ha dunque risposto: “È sempre stata vivissima e bella e siamo sempre stati tanto contenti”. E Antonella Elia ha insistito: “Però?. E la signora, lapidaria: “Mio marito è morto”.

Antonella Elia: la gaffe a Citofonare Rai2

Antonella Elia è stata protagonista di una terribile gaffe a Citofonare Rai2 dove, nonostante i 90 anni della persona da lei intervistata, ha continuato a chiedere con insistenza dettagli e retroscena sulla sua vita sentimentale, senta comprendere quello che ormai era evidente a tutti. Resasi conto della gaffe, la showgirl ha affermato: “Che disastro. Mi dispiace, una tragedia, io non so come uscirne”.

Il fidanzato Pietro Delle Piane, che era con lei, aveva cercato di correre ai ripari prima che fosse troppo tardi, ma la showgirl ha comunque commesso lo scivolone con la sua ospite 90enne.

Oggi tra la showgirl e il compagno sembra essere tornato il sereno dopo che, in passato, i due sono stati protagonisti di alcuni tira e molla. In tanti hanno anche avuto da ridire sulla loro relazione dopo averli visti insieme a Temptation Island. Le cose saranno davvero cambiate tra i due volti vip?

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2024 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 02-10-2023


‘Belen non sta bene’: mamma Veronica e Cecilia in aiuto

Emma: “Non gliel’ho data”. Cosa è successo davvero con Tony Effe