Stefano De Martino e il matrimonio finito con Belen Rodriguez: “Non è stato un fallimento”

Stefano De Martino, felicemente single, parla della storia d’amore finita con Belen Rodriguez e della sua serenità ritrovata

Stefano De Martino è pronto a tornare in televisione con Stasera tutto è possibile, ma anche a vivere un anno in piena tranquillità. Distante dai gossip da qualche tempo, Stefano De Martino vive ora da uomo single, nella sua casa di Milano, lontano dall’ex moglie Belen Rodriguez.

Intervistato dal settimanale Chi, il conduttore e ballerino ha voluto parlare della storia con la showgirl argentina, tra le più tormentate e seguiti dai rotocalchi di cronaca rosa. Il matrimonio con Belen è stato un fallimento o ricommetterebbe l’errore, se potesse tornare indietro?

I rapporti si consumano, i sentimenti sono messi alla prova da questi tempi veloci. Non ha più senso dire il matrimonio è “fallito”. Io dico che nella migliore delle ipotesi si è “compiuto” ed è qualcosa di bello che c’è stato e i figli ne sono la prova. Ma ogni storia d’amore ha un inizio e una fine e non è un fallimento. Dobbiamo far pace con questa visione e non usare un termine così negativo.

Stefano De Martino e Belen Rodriguez sono infatti i genitori di Santiago, che oggi ha 7 anni. Frutto di un amore adesso finito, ma per cui non vale più la pena struggersi o sentire il peso dell’insuccesso:

È difficile che un matrimonio duri per tutta la vita e, per questo, ho cambiato il mio punto di vista, e vorrei dirlo a chi si trova nella mia situazione e, per di più, con figli, quindi con un ulteriore senso di colpa.

Oggi Stefano De Martino si dichiara “felicemente scapolo“, anche se pensa che aver trovato la pace piena con sé stesso possa avere anche un risvolto negativo:

Ho imparato a stare da solo e sarà la mia più grande prigione. Quando capisci che la persona con cui stai meglio sei tu è un problema perché si cercano gli altri proprio per non riflettere e riversare su di loro il compito di farlo. Invece quando impari ad ascoltarti è difficile far entrare qualcuno nella tua zona di conforto.