Serena Enardu si è recata dalla polizia per sporgere denuncia contro una persona che avrebbe tentato di picchiare suo figlio Tommaso.

Attraverso i social Serena Enardu si è sfogata per uno spregevole episodio accaduto ai danni di suo figlio Tommaso. Una persona infatti si sarebbe presentata a casa loro con l’intenzione di picchiare il ragazzo, ma al momento non è dato sapere il motivo del gesto né tantomeno l’identità del suo autore.

“Mi sono recata a fare la denuncia perché una persona di cui non farò il nome… Una persona squallida, una persona violenta, un essere spregevole diciamo invisibile della vita di mio figlio si è presentata a casa per picchiarlo. La cosa più assurda è che dovrebbe essere l’unica persona al mondo che lo dovrebbe proteggere ma non l’ha mai fatto. Non c’è fine al peggio ma noi siamo molto forti. Voglio chiudere il discorso perché è tutto molto pesante”, ha affermato nelle sue stories l’ex fidanzata di Pago.

Serena Enardu: la denuncia via social

Serena Enardu e suo figlio Tommaso sono stati protagonisti di un terribile episodio: una persona (che sarebbe vicina ai due) avrebbe tentato di picchiare il figlio dell’ex gieffina. Lei si è recata dalle forze dell’ordine per sporgere denuncia, e a seguire si è sfogata affermando:

Tommaso è stato scosso parecchio dal punto di vista psicologico. In questo momento sono abbastanza frastornata, lo siamo entrambi in realtà. Vi prometto che a breve tornerò con il solito mood di sempre, quello che mi contraddistingue. Devo risolvere giusto due cosine burocratiche”. Sulla vicenda emergeranno sviluppi? Intanto sui social molti fan di Serena Enardu sono convinti che l’autore del gesto potesse essere il padre di Tommaso, ma sulla questione non sono emerse conferme.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 29-06-2022


Diana Del Bufalo in Messico con la nuova fiamma: le foto sui social

Chiara Ferragni, la romantica dedica a Fedez: “Sembrava impossibile, non potrei essere più orgogliosa”