Sangiovanni e Giulia Stabile: “Una favola nella vita vera” secondo Marcello Sacchetta

Marcello Sacchetta, ballerino professionista di Amici, ha parlato della storia d’amore tra Sangiovanni e Giulia a Casa Chi.

La ventesima edizione di Amici si è chiusa con la vittoria di Giulia Stabile, la ballerina 19enne italo-catalana che, nella finalissima, ha avuto la meglio sul cantante Sangiovanni, arrivato secondo. Tra Sangiovanni e Giulia, com’è noto, è nata anche una storia d’amore.

Marcello Sacchetta, ballerino professionista del talent show, a Casa Chi, ha commentato la storia d’amore tra i due giovani artisti, definendola una vera e propria “favola” che ha appassionato tutti:

Mai come quest’anno abbiamo vissuto le favole. Quella è stata una favola nella vita vera. L’abbiamo vissuta insieme e c’ha trasportato tutti. Considera che noi siamo quasi h24 sul lavoro e quando torniamo a casa non facciamo in tempo a guardare la striscia quotidiana. Quest’anno, non ci siamo persi nulla per quanto ci aveva coinvolti. È stata veramente una gran bella favola da seguire, con un bellissimo lieto fine.

Quest’anno, gli allievi di Amici hanno regalato tante notizie per quanto riguarda il gossip grazie a storie d’amore, simpatie e anche gelosie. Le dichiarazioni di Marcello Sacchetta a riguardo:

Stare all’interno del programma richiede tanti sacrifici. È una grande fortuna essere presi ma devi fare tante rinunce. Per cui, sicuramente, c’è qualcosa che si basa sulla stima reciproca dei ragazzi che condividono il momento più bello della loro vita. Poi, hanno anche il bisogno di sentirsi coccolati. Torni in casetta e cominciano ad esserci i primi sguardi, poi nasce l’attrazione. Loro stavano sempre insieme quest’anno. Si confidavano, si avvicinavano e poi, se l’altro ti piace, è fatta.

Il ballerino e conduttore, infine, ha commentato anche la vittoria di Giulia:

Sono felicissimo della sua vittoria. Direi che sono impazzito, quest’anno come non mai. Lei è stata una gran bella scoperta già dall’inizio, dai casting. Per me è una vittoria meritata, artisticamente, ma anche per la persona che è.