Gianluca Grignani è tra i Big in gara di Sanremo e lui stesso ha svelato il significato del suo brano, ispirato al suo rapporto con il padre.

Gianluca Grignani ha rilasciato un’intima intervista al Corriere della Sera dove ha svelato alcuni retroscena sul suo rapporto con il padre, che non vedrebbe da 15 anni. Il cantante ha dichiarato di aver sentito il genitore per l’ultima volta circa 10 anni fa e ha rivelato che lui gli avrebbe chiesto in quell’occasione se sarebbe venuto al suo funerale.

“Che effetto mi ha fatto quella chiamata? Sarà stato una decina di anni fa, era un periodo in cui mi si era rimarginata la ferita provocata dalla separazione  dei miei che era avvenuta quando avevo 18 anni. Era stata una separazione non gestita, ma non fra padre e madre quanto fra padre e figlio. Lui se n’è andato in maniera  poco consona: ha messo in mezzo me. Mi sono sentito solo”, ha rivelato.

Gianluca Grignani
Gianluca Grignani

Gianluca Grignani: la canzone per il padre

Gianluca Grignani non ha mai fatto segreto di aver avuto un rapporto difficile con suo padre, che si è costruito una nuova famiglia in Ungheria. I due non si sentirebbero da circa 10 anni e il cantante ha scritto il suo brano, Quando ti manca il fiato, proprio ripensando all’ultima telefonata intercorsa tra loro.

“Ho paura di essere simile a una persona che ha fatto errori e che non so se dovrei accusare o scusare. Allo stesso tempo mi manca la sua immagine. Quando mi incontro con l’altro suo figlio sento di avere delle radici. La differenza è che io so dire ti voglio bene e so abbracciare, i miei genitori non lo facevano”, ha ammesso Grignani, che ancora oggi porta con sé i segni del suo complicato rapporto con il genitore.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 23-01-2023


Magalli irriconoscibile: “Ho perso 24 chili a causa della lotta contro il tumore”

Ezio Greggio, critiche per la differenza d’età con la fidanzata: “Andate a ca**re”