La moglie di Alvaro Morata, Alice Campello, ha raccontato alcuni momenti di grande paura vissuti relativi alla gravidanza.

Ospite del podcast di Diletta Leotta, ‘Mamma Dilettante’, Alice Campello, moglie del calciatore Alvaro Morata, ha raccontato alcuni aspetti della sua vita da madre. Non solo. La donna, come già fatto in passato, ha ricordato momenti molto complicati vissuti in gravidanza ed in particolare un momento in cui aveva temuto di aver abortito.

Alice Campello, il racconto in gravidanza

Protagonista del podcast creato dalla nota Diletta Leotta, la Campello ha avuto modo di fare dei racconti molto forti in merito alla sua esperienza da madre ma anche, e soprattutto, riguardo alla gravidanza della sua Bella, quando ad un certo punto ha temuto di perderla.

“La gravidanza di Bella è stata molto travagliata”, ha ammesso la moglie di Morata. “Al terzo mese mi sono svegliata una mattina con il letto pieno di sangue e ho avuto paura di perdere la bambina, che ho sempre desiderato. Quello è stato un momento davvero orribile”.

Per fortuna, però, tutto è andato per il meglio al netto di una situazione che è stato molto complessa anche durante il parto. “Anche il parto è stato molto delicato. Ancora oggi non sono completamente a posto del tutto. Solo grazie ai donatori di sangue adesso posso raccontare la mia storia. Post parto, quando sono tornata nel mio letto d’ospedale, ho iniziato a stare malissimo”, ha spiegato la donna che già in passato aveva raccontato come sia grata ai donatori di sangue che le hanno permesso di superare un momento difficile come quello che ha vissuto durante la nascita della bimba.

Di seguito, invece, un tenero post Instagram con tutta la famiglia:

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2024 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 15-01-2024


Sabrina Ferilli lascia tutti senza fiato, foto bollente senza reggiseno: “Per santi e peccatori”

Taylor Mega mostra il fisico: “Amo l’allenamento”. Ma gli haters l’attaccano