Gianni Morandi: “Natale senza figli e nipoti a casa non è la stessa cosa” (VIDEO)

Gianni Morandi, intervistato da Massimo Giletti, parla a Rtl 102.5 della pandemia: “Distanziare gli anziani dai giovani non mi piace”

Gianni Morandi non nasconde le inquietudini in vista del Natale 2020, che sarà senza ombra di dubbio molto diversi da quelli degli ultimi anni. Il cantante 75enne è stato intervistato questa mattina su Rtl 102.5 da Massimo Giletti e Luigi Santarelli nel programma dal titolo Giletti 102.5 (in fondo al post il video)

 

Gianni Morandi contro i negazionisti del coronavirus

Morandi ha da subito messo in chiaro le cose affermando che “non si può scherzare con il virus” e facendo notare che “non è vero che non esiste, non è vero che lo prendono solo i vecchi“. Dopo aver fatto riferimento alla triste storia di una ragazza di 21 anni morta ieri a Bologna proprio a causa del coronavirus, Gianni Morandi ha raccontato come si è trasformata la sua quotidianità, in compagnia ovviamente della inseparabile moglie Anna:

Io e mia moglie sicuramente usciamo di meno, viviamo in campagna quindi riusciamo a fare delle passeggiate, io ho la passione della corsa e ci vado senza mascherina, e se dovessi incontrare qualcuno mi allontano molto, anche se è difficile qui in campagna incontrare qualcuno. Di solito faccio 12, 13, 15 km, dipende, ma è questione di abitudine, se per un giorno non lo faccio, quasi sto male.

Natale 2020 a casa di Gianni Morandi

A proposito del prossimo Natale, Morandi ha raccontato come la pandemia da coronavirus per quanto lo riguarda interromperà una tradizione famigliare che andava avanti da 25 anni:

Da quando conosco Anna siamo abituati a fare la Vigilia con mio figlio e i miei nipoti che vengono da Roma e il giorno di Natale sempre a casa della sorella di Anna, Lucia. Proprio ieri ha telefonato per dire che questo anno non lo farà e rompe una tradizione che esiste da 25 anni.

Una circostanza che, tuttavia, non ha bloccato del tutto i festeggiamenti natalizi: “Noi stiamo illuminando qualche albero qui fuori, ma se non vengono i figli e i nipoti non è la stessa cosa”.

Morandi ha concluso sottolineando che la salute deve essere la priorità assoluta in questo momento e si è detto contrario alla riapertura totale in vista del Natale, altrimenti “poi passiamo ad una terza ondata peggiore“:

Se allarghiamo troppo poi succede come questa estate che si è aperto tutto, tutti che entravano e uscivano e poi alla fine abbiamo pagato molto di più, quindi stiamo attenti a questo Natale.

Gianni Morandi difende gli anziani

Infine, rispetto all’ipotesi di separare gli anziani dai giovani per evitare il peggioramento della curva dei contagi, Morandi è stato chiaro:

Io sto attento e se incontro qualcuno parlo con la mascherina, ma questa cosa di distanziare gli anziani dai giovani non mi piace, io sono anziano da un bel po’, gli anni ci sono e si sentono.

1