Grande Fratello Vip 4, Patrick Ray Pugliese: "Penso a mio figlio, io non sono violento nei confronti delle donne..."

Nel daytime di oggi del GF Vip 4, ci sono state le reazioni al confessionale dopo la puntata serale di ieri.

Nel daytime di oggi, giovedì 16 gennaio 2020, del Grande Fratello Vip 4, abbiamo visto le reazioni al confessionale di alcuni concorrenti dopo la puntata serale di ieri, andata in onda su Canale 5, durante la quale è stato affrontato il caso Salvo Veneziano.

Elisa De Panicis, la "destinataria" delle frasi incriminate utilizzate da Salvo, ha parlato della sua reazione quando ha visto, per la prima volta, i titoli degli articoli dedicati alla vicenda:

Quando ho letto i titoli, ho pensato alla mia famiglia ma anche alla famiglia di Salvo, ai suoi figli...

Adriana Volpe, invece, non ha gradito i tentativi di giustificazione:

Non si può chiedere scusa, cercando di giustificare un'azione. Non si può sentire la parola "ironia" in questo caso...

Barbara Alberti, invece, ha ribadito il proprio pensiero già espresso in puntata:

Era solo un modo, il loro, per manifestare frustrazione e farsi belli con le parole. E' la radice di questo maschilismo che non conosce le donne.

Pasquale Laricchia, accusato di essere stato complice delle affermazioni sessiste di Salvo Veneziano, ha provato a giustificarsi con queste parole:

E' come quando succede qualcosa e tu sei in un altro mondo... Come quando ti mettono in tasca una cosa e tu dici "Non è mia". E' la stessa cosa...

Patrick Ray Pugliese, invece, non vuole passare come una persona violenta nei riguardi delle donne e, pensando a suo figlio, quest'accusa non gli va giù:

Il pensiero va a mio figlio. Mi fa arrabbiare 'sta cosa, io non sono violento nei confronti delle donne.

Pago, invece, ha incolpato solamente Salvo Veneziano con cui, tra l'altro, aveva avuto un confronto acceso, qualche giorno fa, all'interno della Casa:

Le cose, le ha dette Salvo, non loro tre. Non si possono vedere tutti e 4 allo stesso modo.

Terminiamo con l'opinione di Michele Cucuzza:

E' una questione di arretratezza culturale. Un ritorno al maschilismo "machista". Un po' come se uno si mette a tavola e si mette le dita nel naso. E' una questione di educazione.

  • shares
  • Mail