Federica Pellegrini e Matteo Giunta hanno svelato alcuni retroscena sulla nascita della loro prima figlia.

Intercettati dal settimanale Chi dopo aver lasciato l’ospedale, Federica Pellegrini e Matteo Giunta hanno svelato alcuni retroscena sulla nascita della piccola Matilde, loro primo figlia. Giunta in particolare ha dichiarato al settimanale:

“Il travaglio, non lo nascondiamo, è stato estenuante. E l’équipe che ci ha accompagnato in questo viaggio sono le persone più vicine agli angeli che abbiamo mai incontrato. Poi è arrivata lei e io mi sono innamorato senza neanche vederla. Mi è bastato sentire il primo vagito”.

Federica Pellegrini e Matteo Giunta: la nascita della figlia

Con enorme entusiasmo Federica Pellegrini e Matteo Giunta hanno finalmente accolto la piccola Matilde e per la prima volta i due hanno svelato alcuni retroscena sulla nascita della bambina, venuta al mondo il 3 gennaio. Il marito della Divina ha confessato a Chi:

“Ora ha i capelli totalmente neri: ma chi lo sa come sarà fra qualche settimana. io appena nato ero biondo e boccoloso, ora sono scuro, Fede era nera ora è bionda”, e ancora: “Le infermiere e l’ostetrica hanno detto che è una piccola Matteo, poi però guardandola… Il naso sì, è il mio, la bocca è più come quella di Fede”.

Nelle scorse ore Federica Pellegrini si è mostrata per la prima volta mentre allattava la sua bambina a casa e in tanti, tra fan, amici e colleghi, le hanno fatto le loro congratulazioni. “E’ la magia della vita, appunto, forse massima espressione della vita e della creatività. Penso non ci sia gioia più grande per lei, per me, per noi”, ha confessato lei, entusiasta, in merito alla nascita della piccola Matilde.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2024 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 10-01-2024


Claudia Gerini festeggia 52 anni insieme al nuovo compagno: il party esclusivo a Roma

Maurizio Battista, la moglie colpita da embolia polmonare: ‘Da due giorni soffoco dal pianto’