Fabrizio Corona ha posato per il settimanale Chi, insieme a Nina Moric e al loro figlio Carlos Maria, in occasione del diciottesimo compleanno di quest’ultimo.

L’ex agente fotografico, uscito dal carcere lo scorso dicembre, ha anche rilasciato un’intervista esclusiva al settimanale diretto da Alfonso Signorini, incentrata soprattutto su suo figlio.

Fabrizio Corona ha dichiarato di aver sofferto molto durante l’ultimo periodo trascorso in carcere soprattutto a causa del crollo psicologico avuto dal figlio Carlos. La ritrovata armonia con Nina Moric ha sicuramente contribuito a far ritrovare la serenità al neo-maggiorenne:

L’ultima volta che sono stato in carcere è stata la più difficile di tutta la mia vita perché mio figlio, che già aveva affrontato problemi psicologici legati a me e alla madre, ha avuto un vero e proprio crollo. Con Nina, avevo già ricomposto la famiglia due anni fa, quando le ho riportato Carlos e le ho fatto riavere l’affidamento congiunto. Adesso che siamo di nuovo tutti insieme, mio figlio è un’altra persona, ha ritrovato il benessere fisico, psicologico e ha ricominciato a sorridere.

Fabrizio Corona ha parlato con orgoglio di suo figlio, dichiarando che la presenza di quest’ultimo è fondamentale al fine di non ricadere negli errori del passato:

Carlos è un’unica e assoluta anima pura in un mondo di impuri. Ha un quoziente intellettivo sopra la media, ama la conoscenza ed è in grado di parlare di qualsiasi argomento. Mi ha salvato da me stesso perché mi ha dato stabilità, ho bisogno di lui per stare bene così come lui ha bisogno di me. Mi consiglia, mi controlla, mi fa stare nelle regole.

Anche Carlos Maria Corona ha rilasciato qualche dichiarazione, elencando i pregi dei suoi genitori:

Mio papà è una persona determinata, grintosa, che mette carattere in ogni cosa che fa. Non ha preconcetti, è molto aperto. E, con il tempo, è diventato meno impulsivo. Mia mamma, Nina Moric è una persona dolce. In alcuni momenti ha bisogno di essere coccolata, è un po’ fragile, perché ha sofferto tanto.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto