Nina Moric contro Luigi Mario Favoloso: le nuove accuse a Live non è la d'Urso (video)

Le versioni di Luigi Mario Favoloso e Nina Moric a Live Non è la d'Urso

Live non è la d'Urso, in onda stasera, 26 aprile 2020, ha ospitato, a distanza di settimane, Luigi Mario Favoloso, indagato per maltrattamenti e stalking contro la fidanzata Nina Moric. Ecco la difesa dell'ex concorrente del 'Grande Fratello' (Qui, il video):

"Io non chiamo i giornalisti per far uscire la notizia. Il suo è un colpo basso. Nina ha l'abitudine di raccontare delle verità parziali. Io posso anche aver chiamato Nina Moric ma c'è un motivo. Si è messa in contatto con la persona che frequento, Elena Morali. E fa una telefonata di 4 ore e mezzo. Le dice le cose più brutte contro di me. Poi ha avuto un'altra telefonata di Fabrizio Corona continuando ad infierire su di me, dicendo che sono un criminale, un pazzo. Elena ha ricevuto le telefonate quando si poteva ancora uscire. E' tutto documentato dai tabulati. Ho anche le registrazioni di queste telefonate. Dice delle cose che non posso ripetere in televisione. L'obiettivo è quello di allontanarmi. Secondo me rosica. Di conseguenza, avrei fatto questa telefonata in tarda telefonata. Ho detto anche delle cavolate enormi. Chiunque si sarebbe arrabbiato. I giorni dopo mi cercava lei. Ci sono stati anche tanti messaggi che, poi, lei cancellava. Ho cercato più che altro di smettere di fare questi colpi bassi. Elena non c'entra niente in questa storia".

Durante la puntata, è stata mostrata un'intervista, realizzata tempo fa, alla modella croata:

"Ho ricevuto una telefonata da un numero sconosciuto. Ho risposto ed era il signor Luigi Mario Favoloso. Sono rimasta bloccata per 19 secondi. Non riuscivo a parlare, non riuscivo a respirare. L'unica cosa che sono riuscita ad ascoltare: 'Ho bisogno di parlarti'. Poi, come se fosse successo un buio ed ho buttato giù il telefono. E sono andata in crisi. In quel momento, ho iniziato ad aver paura, ad andare in paranoia. Mi sono affacciata ed ho visto una Mini Cooper bianca. Dopo mi sono riaffacciata e c'era ancora. Ho fatto la foto. Lui ha una Mini Cooper bianca. Tutto tornava. Sono andata a letto alle 4 di mattina, ho ricevuto un'altra telefonata da un numero sconosciuto e non ho risposto. Dopo è successo una cosa più grave. Ho ricevuto un'altra chiamata da un numero sconosciuto Era lui e non riuscivo a parlare. Ho buttato giù il telefono. Mi richiama per la seconda volta. L'ho registrato in questo caso. Lui voleva vedermi sotto casa sua da sola. Dopo la denuncia che gli ho fatto per un reato da Codice rosso nei confronti miei e di mio figli. Lui mi chiama con la voce spavalda come se nulla fosse. Non gli basta, continua a mandare messaggi, mandandomi l'indirizzo e dicendomi: 'Vieni da sola, siamo a 6 -7 minuti da casa tua': Vi rende conto giudici. Sto cercando di uscirne fuori da questa storia terrificante. E questa persona con quale coraggio mi chiama e mi dice che mi vuole vedere da sola. Ma Santo Cielo, fatevi un'esame di coscienza".

L'ex gieffino nega il racconto dell'ex compagna: "La macchina non è mia. Lei mente sapendo di mentire. Lo fa apposta. Ma non sa che fa delle figuracce perché non prevede le mie reazioni. Io non ci passo in quella strada, faccio il giro piuttosto"

Nel corso della seconda parte dell'intervista, la Moric rincara la dose:

Moric: "Vedo una cosa denigrante nei miei confronti. Lui aveva il mio volto sul braccio che ha trasformato in uno scheletro, un diavolo, un demone. Volevano che arrivasse questo messaggio terribile. Mi hanno anche taggato. Questo è stalking. Questo tatuaggio, per la Chiesa Cattolica, è il demone, il male. Lui e la fidanzata mi deridono insieme pubblicando due volte la storia su Instagram. Luigi Mario Favoloso e Elena Morali sono due stalker psicologici. Non è un gioco. Io ho subito violenze psicologiche, fisiche, stalking... adesso anche il tatuaggio. Cosa vuole dalla mia vita? E' un reato, ragazzi. Chiedo l'allontanamento di questa persona da me, mio figlio. Ho fatto la denuncia. La richiesta è stata accolta. Sto parlando da vittima, questa è una situazione gravissima, voglio che nessuno mi giudichi. Sono una donna che ha subito violenze fisiche e psicologiche da Luigi Mario Favoloso. Chiedo che giustizia sia fatta per il bene di mio figlio delle donne. Non voglio più essere presa in giro. Chiedo aiuto. Voglio che la legge faccia il suo percorso. Queste persone non meritano di essere applaudite. La giustizia deve essere fatta".

La risposta di Favoloso non si è fatta attendere: "Se uno inizia a frequentare un'altra persona, per rispetto, il volto di una ex lo copre. Io volevo creare una nuova immagine. Era più facile trasformarla in Michael Jackson perché già gli somiglia ma ho preferito fare altro. Sono sempre provocazioni. Elena è una persona dolcissima, non c'entra niente con tutto questo".

  • shares
  • Mail