ClioMakeUp scappa da New York per il Coronavirus: "La famiglia prima di tutto" (video)

ClioMakeUp lascia New York per il clima di guerra che si respira per la diffusione del Coronavirus

Nelle scorse ore, ClioMakeUp, famosa in tutto il mondo per i suoi tutorial per il trucco perfetto, ha registrato una serie di Instagram Stories, raccontando, a tutti i fan, di essere particolarmente preoccupata per la gestione dell'emergenza Coronavirus negli Stati Uniti. L'influencer, nelle scorse ore, a poche settimane dal secondo parto, ha deciso di lasciare New York per trasferirsi fuori città. Ecco le sue spiegazioni dense di emozioni:

"Come potete vedere dallo sfondo alle mie spalle. Non sono più a New York. L'altro ieri sera, io e Claudio ci siamo sentiti un po' persi per la situazione. New York non era più una città da considerarsi sicura, per noi, soprattutto nelle mie condizioni. Quando inizia a vedere che fa gente fa la fila fuori ai negozi per comprare armi e non più carta igienica.. O pensi al livello di povertà che c'è nella vita. Abbiamo iniziato ad aver paura più del virus ma dalla reazione della gente, di quello che poteva succedere attorno a noi. Non ci sentivamo più sicuri con una bambina piccola ed una in arrivo. Abbiamo deciso di venire dalla seconda famiglia in America, da Giuliana, in modo da stare tutti insieme al di fuori delle grandi città. Le grandi città in America non sono sicure. Non so cosa ne sarà. Qui non ho nemmeno il dottore. Almeno mi sento sicura. In questi giorni cercheremo di capire la situazione e come fare come il parto imminente. Come si dice in Italia 'Andrà tutto bene'. Adesso cerchiamo di capire la situazione. Abbiamo capito che non aveva senso che succedesse l'impossibile mentre eravamo lì per, poi, non avere possibilità di decisione. E' una situazione da film. Abbiamo deciso, di fare questa cosa, di essere in un numero maggiore, in un clima sereno anche per Grace. E' felicissima di venire qui. La famiglia prima di tutto. Abbiamo lasciato tutte le comodità. Avevo tutto pronto anche per la bambina. Abbiamo due valigie in croce. Almeno siamo più sicuri".

  • shares
  • Mail