Una perizia incaricata dai familiari di Michele Merlo ha stabilito che, se curato tempestivamente, il cantante avrebbe potuto salvarsi.

I familiari di Michele Merlo hanno incaricato alcuni periti di stabilire con ragionevole certezza se il cantante di Rosà, scomparso a giugno 2021, si sarebbe potuto salvare qualora i medici avessero riconosciuto i suoi sintomi e se fosse stato curato tempestivamente. Secondo la perizia le terapie attualmente disponibili per la malattia del cantante garantiscono una sopravvivenza tra l’89% e il 93% dei casi.

Michele Merlo poteva salvarsi: la perizia

Alcuni dei medici che hanno visitato Michele Merlo pochi giorni prima della sua scomparsa sono attualmente indagati e la famiglia ha affidato ad alcuni periti specializzati il compito di comprendere se il cantante si sarebbe potuto salvare con una diagnosi corretta e immediata.

Stando a quanto si apprende dal Corriere del Veneto se al cantante fosse stata fatta la diagnosi giusta ci sarebbero state buone probabilità che si sarebbe potuto salvare. I genitori del cantante sono convinti che ci siano state negligenze e mancanze da parte dei medici che incontrarono l’artista quei giorni in ospedale e sono determinati a fare luce sulla vicenda. Al momento la procura non ha ancora dato una conferma definitiva su quanto accaduto.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 24-11-2022


Selvaggia Lucarelli, la dedica a Lorenzo Biagiarelli: “La persona più giusta e generosa che abbia mai conosciuto”

Beatrice Valli avrà un’altra bambina: la reazione di Marco Fantini