Dopo la terza diretta del ‘Grande Fratello Vip 5’, Fulvio Abbate, nominato della settimana, assieme a Massimiliano Morra, Francesca Pepe e Matilde Brandi, ha espresso il proprio parere su uno dei concorrenti più controversi di questa edizione, ovvero Tommaso Zorzi come riporta Il Tempo:

“Sono contento della nomination. Mi sento estraneo a questo gioco e la nomination è un punto di forza perché è chiara la mia estraneità a questo luogo. Poi mi sono infastidito per un modo d’essere che mi fa orrore, che mi fa schifo. Non voglio star vicino a certe facce. Elisabetta non ha voluto capire, mentre non mi è piaciuto il comportamento di Tommaso con Franceska. Dilagherà che nemmeno ve ne renderete conto, mi sta sul ca**o, sta evidenziando dei comportamenti che non mi piacciono. Crea delle dinamiche da cui voglio tenermi distante. Ci sono tante cose che non mi piacciono, ma lui ha un primato con la sua invadenza che non sopporto. Tutte le altre cose brutte sono più limpide di quelle che fa lui. Il suo tipo di profilo culturale lo trovo insopportabile, insostenibile. Protervia milanese. Quello che si sta delineando non mi piace proprio. Quella poverina stasera cercava di ribattere e ho trovato ingiusto che Signorini non la facesse parlare. Stanno esaltando il comportamento di un personaggio negativo”.

Negli scorsi giorni, lo scrittore, confidandosi con Myriam Catania, ha espresso il proprio parere anche su una delle presenze femminili della casa di Cinecittà, ovvero Adua Del Vesco (Qui, il video):

“Adua è un pochettino, come si direbbe in siciliano, pupa di tamburello o pupa da vetrina. Si sta innervosendo? Questo è un bene per se stessa. Però è più una pupa di tamburello, come si dice in dialetto palermitano. È una bambola, un po’ bambola con il tamburello. Oppure bambola da vetrina. Infatti era quella che ballava in modo più ordinario e composto. Mentre tu ti muovi molto bene e hai una teatralità anche clownesca però diciamo che nulla toglie al tuo eros. E poi sei brava. Hai studiato, si vede. Lei è in cerca di autore di se stessa. Altri sono qui e ancora non hanno capito per quale motivo sono qui e non si capisce quanto abbiano ricercato questa opportunità. Sono persone carine, uno di questi è Francesco (Oppini, ndr). Ancora non ha chiaro perché è venuto, che ci deve fare con questa cosa”.

Il giornalista, infine, ha tracciato un ritratto dei suoi compagni d’avventura: “I maschi sono carini. Enock è un amore. Con Zelletta mi sono posto bene. A volte bisognerebbe anche mostrarsi vulnerabile e non empatico cazzaro com’è Ciuffettino. Ciuffettino ha un entusiasmo che non sembra minimamente crepato. Avrà le sue malinconie però è puro vitalismo da dj, mi spiego? È vero che ha 19 anni e quindi è giusto così”

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto