Reduce dall’apparizione sul red carpet del Festival di Venezia, Andrea Damante, in un’intervista concessa a Vanity Fair, ha parlato di Giulia De Lellis e del periodo di pausa che hanno deciso di prendersi, dopo un ritorno di fiamma avvenuto durante il periodo del lockdown.

Il dj e produttore musicale veronese ha dichiarato, molto serenamente, che la situazione con Giulia De Lellis non è tra le più rosee. La decisione di prendersi una pausa è stata dolorosa ma necessaria:

Tra me e Giulia, le cose non stanno andando nel migliore dei modi. Abbiamo deciso di prenderci del tempo, inevitabilmente, questo non mi fa stare benissimo però sono sicuro che, col trascorrere del tempo, in un modo o nell’altro, passerà senza che nessuno dei due faccia del male all’altro, né ci si manchi di rispetto. Ci siamo solo presi del tempo per capire, essendo in un momento importante della nostra storia e della nostra vita.

La storia d’amore tra Andrea Damante e Giulia De Lellis, nata a Uomini e Donne, ovviamente, da sempre, scatena il gossip. Andrea Damante ha dichiarato che lo stress causato dal vivere pubblicamente una storia d’amore può essere deleterio per una coppia:

Purtroppo, l’aspetto negativo consiste nel fatto che una storia viene un po’ rovinata e sgretolata perché ti ritrovi sotto l’occhio del ciclone. Devi stare attento nel fare determinate cose, è abbastanza stressante e lo stress non fa bene a una coppia. Il gossip su di noi, spesso fatto solo di notizie false o raccontate solo per fare rumore, provoca malumore e non è semplice riuscire a ritagliarsi momenti privati.

Se in un primo momento, quindi, Andrea Damante aveva deciso di starsene in silenzio davanti ai rumors infondati, ora l’ex tronista 30enne ha deciso di replicare a tono, se una cosa non gli va giù:

Prima non ero così, non rispondevo, per non alimentare un gossip tossico. Adesso, però, mi sono stufato perché mi sono reso conto che se stai zitto, ti sommergono ancora di più. L’invadenza che più mi ha ferito? Le fake news, l’inventarsi cose da zero.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto