Maurizio Battista attacca Beppe Grillo e si commuove: "Non ti permettere mai più di attaccare i romani. Vergognati"

Maurizio Battista si scaglia contro Beppe Grillo per il post in vernacolo nel quale insultava i romani: "Vergognati e chiedi scusa. Se arriva un barbuto e riccioluto che negli ultimi anni ha fatto anche dei danni, non mi sta bene"

Maurizio Battista contro Beppe Grillo. Tutta colpa del post pubblicato dal fondatore del Movimento Cinque Stelle in vernacolo romanesco nel quale si difendeva il sindaco Raggi e si insultavano i cittadini della Capitale. Un episodio che ha scatenato reazioni furenti, alle quali non si sottrae nemmeno l’attore, che attacca Grillo su Facebook:

“Dobbiamo difendere la città anche da quelli come te che con queste parole l’hanno infangata. Grillo, puoi dire quello che ti pare, ma hai avuto una caduta di stile. Se ci critichiamo tra di noi ci sta tutto, ma se arriva un barbuto e riccioluto che negli ultimi anni ha fatto anche dei danni, non mi sta bene”.

Battista è un fiume in piena e nel lungo intervento lascia anche spazio alla commozione. “Non ti permettere mai più, la nostra città non si tocca. Io sono romano sempre, non quando mi conviene. Hai detto una serie di cazzate. Non torniamo nelle fogne, noi le fogne le abbiamo costruite. Grillo e chi la pensa come lui si devono vergognare”.

Battista riconosce i difetti dei romani, respingendo tuttavia gli affondi esterni:

“Vedere che arriva chicchessia e dice queste cose non è carino. Siamo cittadini rognosi ma con una grande dignità. Già simpatico non mi stavi prima, non da comico a comico, ma da persona a persona. A che titolo ti sei permesso? Da che pulpito? Rispettiamo le città e le persone. Dovresti pubblicamente chiedere scusa, in streaming come fai te”.
  • shares
  • Mail