Mara Venier: "La convivenza è pesante per chi non ci è abituato. Ho preso 8 chili, non faccio altro che cucinare"

Mara Venier parla a Un giorno da pecora della quarantena al fianco di Nicola Carraro: "Pure la convivenza stretta, per chi non è abituato, alla lunga diventa pesante. Ho preso otto chili, non faccio altro che cucinare"

Anche la convivenza è pesante, ragazzi”. Mara Venier parla della quarantena e ci scherza su a Un giorno da pecora. “Ci sono due letture, quella di chi è lontano e quella di coloro che vivono insieme. Io non ne posso più, in generale. Pure la convivenza stretta, per chi non è abituato, alla lunga diventa pesante”.

La convivenza con Nicola Carraro, in ogni caso, è facilitata dagli ampi spazi a disposizione: “Siamo in due piani, lo spazio c’è. Però non ero abituata a stare così tanto a casa”.

Da marzo, la Venier esce solo la domenica per andare a condurre Domenica In. “Sono completamente sola con una piccola squadra che mi sostiene moralmente, all’inizio non è stato semplice. Mi trucco a casa, mi faccio i capelli a casa. In Rai i reparti sono chiusi, è anche giusto cosi". E aggiunge: "Ho un terrazzo, cammino li ma poco, non faccio altro che cucinare e mangiare! Rispetto regole e misure, ed è giusto così. Ho preso 8 chili, non faccio altro che cucinare”.

Da lunedì si entrerà nella fase due, che le consentirà di rivedere i nipoti. In tal senso, non manca un riferimento alle recenti parole della virologa Ilaria Capua:

“Ha detto che i rapporti tra nonni e nipoti non saranno mai più com'erano prima. Vediamo cosa succederà, ma in un momento in cui distacco crea molto disagio, quella frase mi ha colpito e mi ha fatto male, in questa fase siamo fragili, vulnerabili, un po’ di speranza dovrebbero darcela”.
  • shares
  • Mail