Gordon Ramsay chiude tutti i ristoranti di Londra: licenziate 500 persone

Crolla l'impero di Gordon Ramsay? Solo una settimana fa rassicurava clienti e lavoratori su una ripresa dai tempi incerti, ma più esaltante che mai. E invece...

Gordon Ramsay ha chiuso i suoi 12 ristoranti londinesi: sarebbero quindi oltre 500 i lavoratori che hanno ricevuto una mail di licenziamento con appena quattro settimane di preavviso e un mese di stipendio 'aggiuntivo', senza però alcuna garanzia né di riapertura post Coronavirus né, quindi, di nuovo contratto. A raccontarlo il DailyMail, che ha raccolto sui social e direttamente le testimonianze di alcuni dei camerieri, chefs, maitre che si sono ritrovati da un momento all'altro senza un lavoro e senza alcun reale avvertimento.

"Abbiamo lavorato negli ultimi due anni così duramente per Gordon Ramsay e lui ci ha scaricati proprio nel momento in cui avevamo più bisogno di lui. Vergogna!"

scrive in un post Instagram la 28enne Anca Torcup, chef de partie al Bread Street. E la donna non ha mancato di definire lo chef stellato - e star tv - un "pezzo di m**da".


 











Visualizza questo post su Instagram



















 

Such a shame to see how the company that you worked for and gave everything you had for 2 years throw you away like you are nothing but a little piece of shit, specially in difficult times like this even though thay have absolutely nothing to lose by keeping you. And I'm not taking about one person here, over 500 people lost their jobs yesterday so all I can say is thank you @gordongram @gordonramsayrestaurants I hope you sleep well at night knowing that so many people doesn't have a job in this difficult time because of you 👏👏👏Shame on #GordonRamsay #fired all employers in #london #londoncity #uk #UnitedKingdom They can't apply for support!!! @london.foodguide @london @london4all @londonsbest @londonist_com @timeoutlondon #instafood #londonfood #londonfoodie #londonfoodies #londonfoodguide #coviduk19 #covidー19 #timeoutlondon @gordongram @gordonramsayrestaurants @gordonramsaystreetpizza @thenarrowgordonramsay @gordonramsayplanefood @restaurantgordonramsay @gordonramsaybarandgrill @gordongramfan @gordonramsayfan @gordon_ramsay_fans @gordon.ramsay.fan.account please! Share!


Un post condiviso da Anca Cosmina Toropu (@ancatoropu) in data:


La decisione di chiudere tutto è stata comunicata una settimana fa, ma  si parlava di chiusura temporanea e si pensava fosse strettamente legata al lockdown annunciato dal Premier britannico. Peraltro il Governo sta attivando una serie di misure per spingere le aziende a non licenziare personale, impegnandosi a coprire l'80% degli stipendi - fino a un massimo di 2.500£ - per sostenere imprese e lavoratori nella (si annuncia lunga) crisi da Coronavirus.


 











Visualizza questo post su Instagram



















 

As the Pandemic continues to grow a note from me about our restaurants in London. Be safe and take care of each other in these challenging times Gx


Un post condiviso da Gordon Ramsay (@gordongram) in data:


E invece il giorno dopo il personale ha avuto la pessima notizia. "E' stato brutale", ha aggiunto la chef, che si è poi rivolta allo stesso Ramsay nel suo post Instagram:

'Grazie Gordon Ramsay: spero tu riesca a dormire bene la notte sapendo che per colpa tua centinaia di persone non hanno più un lavoro in questo periodo difficilissimo".

Al momento da Ramsay, il cui patrimonio personale è stimato in 140 milioni di sterline secondo il DailyMail, non ha replicato. Vedremo se lo farà nelle prossime ore. Di certo non è quel tipo di storia, e di comportamento, che fa bene all'immagine, se non a quella di chef spietato e senza scrupoli costruita in tanti anni di Hell's Kitchen.

  • shares
  • Mail