Francesco Facchinetti dopo lo scherzo a Le Iene: "Non sono violento, scusatemi"

Arrivano le scuse del conduttore dopo lo scherzo in tv: "Non sono un violento e non sopporto la violenza". Ma i fan lo rassicurano: "Siamo fieri di te"

"Il paladino del popolo Cinese" - Così hanno etichettato Francesco Facchinetti alcuni utenti della rete, in particolar modo sul social media Twitter, dopo aver assistito alla sua reazione a favore di un uomo cinese insultato pesantemente da due ragazzi di passaggio. Fortunatamente soltanto uno scherzo del programma televisivo di Italia 1 Le Iene, che tuttavia - a ovvia insaputa di Francesco - è riuscito a mostrare quanto il figlio di Roby Facchinetti condanni odio razziale e prepotenza.

"Ovviamente i cinesi non sono il problema: il problema è l'ignoranza nel non sapere cosa sta accadendo, e questo provoca queste scenate allucinanti" ha spiegato Francesco Facchinetti su Instagram qualche giorno fa, raccontando sul suo profilo ufficiale di aver difeso un uomo da due ragazzi che per strada lo insultavano perché cinese. Niente di vero, grazie al cielo, ma semplice ingegno degli inviati del programma Stefano Corti e Alessandro Onnis, che a scherzo terminato hanno chiesto al conduttore di commentare quanto appena avvenuto:

"Se vedete una situazione del genere, chiamate le autorità competenti e non cercate di farvi giustizia da soli", ha dichiarato alle due Iene.

Ma le riflessioni da parte di Francesco Facchinetti non sono terminate qua. Proprio ieri sera, infatti, lo scherzo architettato alle sue spalle è stato trasmesso su Italia 1, ed è qui che Francesco ha potuto esprimere ancora una volta i suoi sentimenti, pubblicamente sul web. Il pensiero è andato anzitutto ai suoi figli, coi quali si è voluto scusare per non aver forse dato, in quel contesto, il meglio di sé:

"Non sono un uomo violento e non amo la violenza. Chiedo scusa a tutti e soprattutto ai miei figli per come ho reagito ma non amo il razzismo e la deriva che l’uomo sta prendendo per colpa dell’ignoranza".

Molto positive le repliche dal pubblico, che all'unisono ricorda a Facchinetti di non doversi affatto scusare: "Per me non dovresti chiedere scusa a nessuno, hai avuto coraggio e dovresti esser solo fiero di aver difeso tali persone, discriminate e picchiate senza un minimo di colpa" gli scrive qualcuno, "Io sono convinto che un giorno i tuoi figli saranno orgogliosi di te come la gran parte di tutti noi" aggiunge qualcun altro.

Tra i tweet in risposta a Francesco Facchinetti, anche quello di un utente cinese, che nella sua lingua gli ha scritto:

"Il tuo gesto ha toccato i cinesi, grazie per tutto quello che hai fatto per noi".

Nonostante quello de Le Iene sia stato semplicemente uno scherzo innocente, gli attacchi e le aggressioni subite dal popolo cinese negli ultimi giorni non sono realmente mancate, in tutta Italia. Ci auguriamo di cuore che anche un semplice scherzo in tv possa farci riflettere e ragionare davvero.

  • shares
  • Mail