Vittorio Cecchi Gori: "Rita Rusic è la donna più importante della mia vita"

Vittorio Cecchi Gori felice per la ritrovata armonia familiare assieme all'ex moglie Rita Rusic e ai figli Mario e Vittoria

A pochi giorni dall'incontro con l'ex moglie Rita Rusic, Vittorio Cecchi Gori ha rilasciato una lunga intervista al settimanale 'Chi', in edicola questa settimana, in cui ha lodato la donna per come si sta comportando all'interno della casa del 'Grande Fratello Vip':

"Lei è una donna molto intelligente, simpatica, con grande senso dell’umorismo. Ha una marcia in più rispetto alla maggior parte degli altri concorrenti. Ha un vissuto importante, è un personaggio che i telespettatori fino a ora hanno conosciuto solo superficialmente. Le auguro di divertirsi e far conoscere quel suo lato umano che piano piano verrà fuori".

Nel corso degli anni, il produttore cinematografico ha recuperato i rapporti con i figli Mario (26 anni) e Vittoria (32):

"Certo. Vedo spesso Mario. Da quando, due anni fa, fui ricoverato d’urgenza, non mi ha mai lasciato. Mi segue nel quotidiano. È un ragazzo d’oro, che merita un futuro d’oro. Vittoria la sento telefonicamente. Vive a Miami. Da quando Rita è entrata nella Casa cerco di sentirla di più, anche se mi piacerebbe vederla e abbracciarla. Devo ammettere che Rita li ha cresciuti ed educati in modo straordinario. Sono due gioielli".

Cecchi Gori, una volta per tutte, ha chiarito il tipo di legame speciale che, oggi, lo lega alla mamma dei suoi figli:

"Abbiamo vissuto momenti indimenticabili. Abbiamo viaggiato tanto. Ci sono stati momenti di grande gioia, come la nascita dei nostri figli, e altri di grande tensione, dopo la separazione. Ora tra di noi c’e un equilibrio speciale, un rapporto quotidiano che mi trasmette tranquillità, serenità. Non potevo augurarmi di meglio".

Al momento, però, non si può parlare di un vero e proprio ritorno di fiamma dal punto di vista sentimentale:

"Le sono molto affezionato, il sentimento tra noi è cambiato. Ora ci confrontiamo, parliamo di tutto con un’armonia diversa da prima. Sicuramente posso dire che rimane la donna più impor- tante della mia vita. E la ringrazio ancora per essere accorsa da Miami, quel 25 dicembre di due anni fa, quando stavo per morire. Non lo dimenticherò mai".

  • shares
  • Mail