La procura di Vicenza ha chiesto l’archiviazione del caso di Michele Merlo, il cantante morto a giugno 2021 per una leucemia fulminante. 

La procura di Vicenza ha chiesto l’archiviazione del tragico caso di Michele Merlo, il cantante ed ex concorrente di Amici scomparso il 6 giugno 2021 per una leucemia fulminante. Per i pm è impossibile dimostrare che, con una corretta e immediata diagnosi, il cantante avrebbe potuto salvarsi. L’unico indagato nella vicenda (per omicidio colposo) era stato il medico di base a cui il cantante si era rivolto pochi giorni prima di morire.

Michele Merlo: la procura archivia il caso

Stando a quanto riporta Il Resto del Carlino, la procura di Vicenza ha chiesto l’archiviazione del caso di Michele Merlo.

Stando ai riscontri svolti dai Nas, nonostante la malattia del cantante possa esser stata trattata con superficialità (in ospedale infatti il medico presente gli avrebbe diagnosticato una tonsillite, mentre il suo medico di base avrebbe scambiato le sue diffuse ecchimosi per comuni lividi) non sarebbe stato possibile salvare il cantante che, giunto in ospedale il 2 giugno, è poi scomparso dopo 4 giorni d’agonia a soli 28 anni. La procura ha ritenuto di dover chiedere l’archiviazione perché per i pm nessuna terapia somministrata il 2 giugno avrebbe potuto evitare la morte dell’ex volto di Amici.

Al momento i genitori del cantante – che finora si sono sempre battuti per conoscere la verità – non si sono ancora espressi in merito alla vicenda. Domenico Merlo, il papà di Michele, in questi anni ha più volte espresso tutto il suo dolore per la tragica scomparsa del suo unico figlio.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2024 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 06-09-2023


Sophie Codegoni e Antonella Fiordelisi coppia a Pechino Express? Salta tutto: cosa è successo

Bianca Berlinguer: “Amo la Rai, ma a Mediaset condizioni migliori”