Il figlio di Alba Parietti, Francesco Oppini, ha confessato via social di esser stato costretto a chiamare un’ambulanza.

Francesco Oppini ha aggiornato i suoi fan dei social e si è mostrato mentre veniva portato via di casa dal personale sanitario in barella. A seguire il figlio di Alba Parietti ha confessato di esser stato costretto ad allertare i soccorsi per via di alcuni gravi problemi alla schiena che gli avrebbero reso impossibile muoversi.

“Niente di grave, mi sono fatto male alla schiena in palestra”, ha scritto nelle sue stories, e a seguire ha mostrato il suo referto e ha scritto di aver avuto una contrattura muscolare. “Mettiamola così, per il dolore che ho sentito poteva andare molto peggio”.

Francesco Oppini chiama il 118: le sue condizioni

In queste ore in tanti hanno espresso la loro preoccupazione per Francesco Oppini che, attraverso i social, si è mostrato mentre veniva portato in ospedale in barella. Fortunatamente lui stesso ha specificato che le sue condizioni non sarebbero gravi e in tanti tra fan, amici e colleghi, gli hanno inviato i loro messaggi di calore e di solidarietà.

Francesco Oppini ha imparato a farsi conoscere e apprezzare dal pubblico social a seguito della sua partecipazione al GF Vip. All’interno del reality show è diventato protagonista di una grande amicizia con l’ex vincitore del programma, Tommaso Zorzi, ma oggi non è dato sapere se i due si frequentino ancora.

Con la partecipazione allo show di Signorini inoltre Oppini è riuscito a farsi conoscere per la sua personalità e a non essere ricordato dai fan del programma unicamente come “figlio di” (sua madre è infatti la famosa opinionista Alba Parietti, che con lui ha uno splendido rapporto).

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 11-10-2023


Sonia Bruganelli, la frecciatina infuocata a Federico Fashion Style: ‘Davvero?’

Emanuele Filiberto, una famosa cantante rompe il silenzio: ‘Insieme per tre anni’