Beatrice Marchetti: “Credevo di vincere l’Isola dei Famosi, sono rimasta delusa”

Classificata quinta all’Isola dei Famosi 2021, Beatrice Marchetti racconta la sua avventura in Honduras: dalla solitudine alla finale.

Per tanti era solo una modella, ma con l’Isola dei Famosi Beatrice Marchetti ha mostrato di essere anche qualcosa in più. Carattere e determinazione sono state le caratteristiche del suo percorso in Honduras, nonostante la solitudine forzata di Playa Imboscada dopo l’eliminazione dal gioco. Ha fatto i conti con le sue debolezze, ha avuto modo e maniera di ricostruire rapporti incrinati nella prima parte della sua permanenza con il resto dei naufraghi.

Sulla carta le possibilità di arrivare alla vittoria c’erano, ma Awed ha prevalso su tutti (persino su Valentina Persia, altra papabile vincitrice). Beatrice Marchetti, intervistata dal sito Superguidatv, ha fatto alcune considerazioni sull’avventura:

Ho deciso di mettermi in gioco per far capire chi sono realmente. Volevo farmi conoscere al pubblico. Questa esperienza mi ha regalato una grande forza e grinta. Ho scoperto quali sono i miei limiti e sono riuscita a superarli. E’ stato anche un riscatto nei confronti di quelle persone che credono che le modelle riescano a vivere solo della loro immagine.

Sperava di poter alzare il tanto ambito trofeo, ma così non è stato e la modella si è dovuta accontentare della quinta posizione:

Credevo di vincere e sono rimasta delusa per il fatto di non aver conquistato il podio. Sono stata una delle poche persone che ha vissuto una trasformazione. E per me che sono una modella è stato difficile vivere da naufraga. Non ho mai frequentato il mondo della televisione e inizialmente non volevo accettare. Buttarsi nei reality è un terno a lotto perché ne puoi uscire bene o male. Ho sempre amato le sfide e mi sono messa in gioco.

Abbiamo citato il percorso in solitaria di Beatrice a Playa Imboscada:

Mi ha permesso di fare uscire le mie sfaccettature. Rispetto agli altri che avevano delle mansioni assegnate, io mi sono costruita la mia Isola. Penso che sia uscito fuori il mio spirito grintoso. Stare da sola mi ha aiutato a far uscire fuori il lato migliore di me. Nella vita ho sempre temuto la solitudine e questa esperienza mi ha forgiato anche sotto questo aspetto. Mollare? Non l’ho mai pensato. Era una scommessa con me stessa.

E la scommessa (almeno fino alla finale) l’ha vinta.