Aurora Ramazzotti: la rubrichetta è un successo virale

La rubrichetta di Aurora Ramazzotti con i consigli sul sess0 e l’amore sta ottenendo un gran successo sui social: ecco i motivi

Ogni sabato, Aurora Ramazzotti si cala negli inediti panni di sessuologa o consigliera dell’amore, offrendo, ai propri followers, preziosi suggerimenti sulla sfera affettiva ed intima. Con la schiettezza di sempre ed un pizzico di ironia, la figlia di Eros e Michelle Hunziker risponde alle più improbabili domande dei fan. C’è chi si lamenta di non avere contatti con uomini da più di tre mesi. Chi, invece, le sottopone un dubbio amletico: “Anale sì o anale no?”. La risposta è eccezionale: “Cosa vuol dire sì o no? Nella vita non c’è giusto o sbagliato, c’è quello che ti piace. Se ti piace nell’orecchio va bene anche lì, non ti giudico”.

Sul web, da quasi un anno, la ‘rubrichetta’ potrebbe essere un’idea interessante da sviluppare in tv, una sorta di ‘Loveline’ 2.0 affidata ad una giovane donna che dialoga liberamente con i propri coetanei. Un’educazione all’affettività e alla sessualità senza filtri, spontanea, immediata.

Le confessioni di Aurora Ramazzotti sul primo bacio e la prima volta

Intervistata, qualche anno fa, da Fanpage.it (via Tpi.it), la giovane conduttrice ha rivelato come e quando è avvenuto il primo vero bacio:

Avevo 12 anni, è stato con un amico conosciuto alle Maldive. Lo avevo invitato al compleanno perché non avevo amici. Avevo razzolato gente ovunque. Ci stavamo baciando in bagno e proprio in quel momento è arrivato mio padre che ci ha beccato Mi vergogno a dirlo, ma in quel periodo mi piaceva limonare in gruppo. Non pensate male, io con il mio ragazzo, e la mia amica con il suo. Mio padre è entrato e ha visto quattro persone in un bagno buio ed ha pensato: ‘Mia figlia è strana’.

Singolare anche il racconto della sua prima volta:

Avevo 18 anni ed è stato il giorno del compleanno di mia madre. E non lo dimenticherò mai. Mia mamma sa tutto, tra di noi non ci sono filtri. Possiamo dire che era tutto pianificato.