Andrea Giambruno condurrà un programma tutto suo che andrà in onda a settembre. Sulle critiche non ha dubbi perché arrivino.

Il compagno di Giorgia Meloni, Premier italiana, Andrea Giambruno sarà in tv per condurre una trasmissione tutta sua Diario del giorno del Tg4 tutti i pomeriggi dal lunedì al venerdì. Di questo e tanto altro ha parlato a Corriere della Sera.Andrea Giambruno torna in tv: le parole su Giorgia Meloni

“Per ora, sono un umile giornalista che fa il suo, però neanche può essere che tutti i giorni qualcuno su social o giornali mi debba spiegare come fare le domande e cosa dire e che io venga criticato pure per la cravatta, o per i mocassini con la suola blu. Io sono il terminale di un gruppo di lavoro che si dà da fare tutti i giorni e sta portando a casa i risultati. Bisogna avere rispetto per loro anche se non piaccio io. Se non ti piaccio io, c’è quel momento democratico in cui puoi cambiare canale. E comunque, non sono lì per volontà divina: se non faccio ascolti, mi rimuovono”, ha tenuto a precisare Giambruno riguardo alla sua ambizione nel tornare in tv con un programma tutto suo dopo aver lasciato Studio Aperto.Tra le osservazioni arrivate in questi mesi su di lui, ci sono state anche quelle che hanno avuto a che fare con delle particolari calzature con la suola blu: “Le prendo da un negozio abbordabile davanti a Montecitorio, zona dove mi capita di passare, non le compro per il colore della suola. Ma tutte le illazioni gratuite non mi danno fastidio per me, ma per Giorgia. È pensando a lei che mi attaccano sostenendo che ‘sparimento’ è una parola che ho usato, ma non esiste. ‘Sparimento’ c’è nel dizionario italiano: ‘Quella tristissima nuova dello sparimento della contessina’, scrive Ippolito Nievo. Almeno l’italiano lo conosco, ma con me tanti stanno a fare il comitato di ascolto”.Tornando poi al suo programma Diario del giorno del Tg4: “Di solito politca e esteri e poi cronaca? La cronaca fa ascolti, ma ognuno ha la sua cifra. Io, preferisco la politica, ma tutto è politica, anche nella sparizione della piccola Kata c’è la responsabilità politica, come in tanti episodi di violenza: se releghi lo schifo in periferia, è ovvio che qualcosa di brutto succede. Io vorrei implementare il racconto della vita vera”.Di seguito anche un post Instagram della Meloni:

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2024 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 09-07-2023


Barbara D’Urso annuncia azioni legali: cosa è successo

Sanremo 2024, le novità: le date, l’altro ruolo dei cantanti e la nuova giuria