Roberta Bonanno: "Io, epilettica e vittima di bullismo"

La cantante racconta della sua adolescenza complicata. Non soltanto è stata affetta da epilessia, ma è anche diventata bersaglio dei bulli a scuola

Uno sfogo sincero e certamente tanto difficile quanto emozionante quello condiviso da Roberta Bonanno, ex concorrente di Amici di Maria De Filippi che proprio nelle precedenti ore ha voluto raccontare al settimanale OK Salute e Benessere di alcuni difficili passaggi della sua adolescenza e della sua vita privata, a partire dall'epilessia - malattia che l'ha affetta in passato - per terminare poi col bullismo, del quale Roberta sarebbe stata vittima per diverso tempo.

Per chi non dovesse ricordarlo, Roberta partecipò ad Amici nel lontano 2008. Da quel momento, la sua vita cambiò radicalmente. Ancora oggi la ragazza racconta di esser stata particolarmente segnata dalla mancata vittoria del programma, ma di certo la carriera di Roberta non si è mai arrestata, nonostante tutto. Dopo qualche anno, l'abbiamo ritrovata su Rai 1 con Carlo Conti, parte del cast di Tale e quale show.

Grazie alla sua recente intervista, scopriamo che in passato Roberta abbia sofferto di epilessia. I suoi malesseri sarebbero diventati sempre più frequenti finché, con l'aiuto di un medico, non ha deciso di intraprendere delle cure specifiche che andassero a limitare i danni della malattia. Come raccontato dalla stessa Roberta a OK Salute e Benessere, infatti:

"A 13 anni ero sensibile alle luci: svenivo a casa davanti alla tv e a scuola guardando lo schermo del pc. Ho preso i farmaci finché, a 16 anni, il problema è scomparso. Il neurologo mi ha prescritto un farmaco anti-epilettico da assumere tutti i giorni. Al rientro a scuola, però, non ho avuto vita facile".

Tuttavia, non soltanto l'epilessia hanno reso la sua adolescenza particolarmente complicata. Roberta infatti è anche stata vittima di bullismo, quando ancora andava a scuola. La cantante ha spiegato:

"Non solo il farmaco mi causava effetti collaterali come sonnolenza e calo dell’attenzione, ma i rapporti con i miei compagni di classe si sono trasformati in una tragedia. Oltre al danno, anche la beffa: in quel periodo infatti sono stata vittima di bullismo".

Nonostante tutto, però, Roberta riconosce di essere stata molto fortunata:

"Io sono stata fortunata, ma ci sono persone che soffrono di attacchi epilettici che rendono la loro vita davvero molto complicata e che rischiano, in certi casi, di farsi anche male. Io consiglio alle ragazze e ai ragazzi ai quali dovesse succedere di scoprirsi epilettici di non angosciarsi, di non badare al giudizio degli altri e di affrontare con fiducia il percorso che è necessario seguire. Io  sono la dimostrazione che da questa malattia si può guarire."
  • shares
  • Mail