Serena Enardu arrabbiata per le critiche: "Io non so se collegate il cervello. Ora basta!" (VIDEO)

Il duro sfogo su Instagram: "Se vi fa piacere mi seguite, mentre se invece vi faccio schifo e non vi piaccio dovete togliere il segui".

Si può dire che questo senza ombra di dubbio è un periodo no per Serena Enardu. Le acque agitate che hanno portato alla rottura con Pago (mai calmate dall'esperienza a Temptation Island VIP passando per il Grande Fratello VIP) stanno provocando delle ripercussioni anche a giorni di distanza dall'annuncio della nuova brusca interruzione.

La Enardu prova ad andare avanti ma il nervosismo gioca brutti scherzi, soprattutto se a provocarglielo sono le critiche dei followers che su Instagram hanno attaccato l'ex gieffina per essere tornata sui suoi social a sponsorizzare prodotti.

La reazione di Serena è furente e lo si intuisce già dal volto scuro di rabbia nelle sue Instagram stories, dalla quale si sfoga duramente:

Ciao ragazze - esordisce - mi stavo chiedendo: ma quando voi avete dei problemi in famiglia, quando litigate con il vostro compagno, quando vi lasciate, non andate più a lavoro voi? No, fatemelo capire. Perché continuo a ricevere messaggi "Sei triste, ma sponsorizzi?" Io non so veramente se alcune volte collegate il cervello. Cosa fate voi, invece? Siete quelle che quando vanno a lavorare e hanno qualche problema a casa, fanno la faccia tesa e schifata al cliente, oppure vi travestite anche voi di persone che stanno bene e fate il vostro lavoro?.

Serena quindi sottolinea che nonostante i problemi che la attanagliano non mette da parte la sua professione che, per via di forza maggiore, ha bisogno di un canale di comunicazione indispensabile come i social: "Non è che io non sono un essere umano - prosegue - Devo lavorare e continuo a farlo, perché non mi piango addosso come tutte quelle persone che rimangono così una vita e continuano a dire di essere tristi e sfortunate, o a dire che la loro vita non ha senso".

Nell'ultima parte del messaggio la rabbia di Serena è ancora più forte e si rivolge direttamente ai suoi haters:

Ma io dico: le persone che si prendono la briga di mandare i messaggi ma porca put***a, ma non avete veramente nulla da fare? Pensate piuttosto a chi non ha un lavoro, io ce l’ho, ok? E sono contenta e vado avanti. Cercate di impegnare il vostro tempo a queste persone bisognose, non a me, vi prego.

Nessuna tolleranza per gli attacchi "perché io non devo accettare nulla, che sia chiaro. Questo è il mio profilo e io sono libera, come lo siete voi di commentare me, io posso commentare voi" e conclude con un messaggio chiaro:

Se vi fa piacere mi seguite, mentre se invece vi faccio schifo e non vi piaccio dovete togliere il segui. È semplicissimo. Ora basta!
  • shares
  • Mail