Grande Fratello Vip 4, Antonio Zequila e Teresanna Pugliese si scontrano durante una partita a "Nomi, cose e città"

L'attore campano e l'ex protagonista di Uomini e donne si agitano per colpa di una regola del gioco non condivisa

Grande Fratello Vip, Antonio Zequila contro Teresanna Pugliese. La tensione è alle stelle nella casa di Cinecittà, a un passo dalla finale che si disputerà fra meno di due settimane. Protagonisti dell'ultimo screzio, sempre dello stesso livello di quella sui biscotti di Fernanda Lessa ed Antonella Elia che ha dominato la scorsa settimana, Antonio Zequila e Teresanna Pugliese.

L'attore e l'ex-protagonista di Uomini e donne hanno perso la pazienza per un nonnulla, qualcosa di poco valore, segnale che l'aria risulta ormai veramente troppo pesante tra le mura della casa. Che cosa? Una semplicissima e apparentemente innocua partita ad un gioco da tavolo che sta appassionando tanti in questo periodo di reclusione forzata, "Nomi Cose e Città". Due le squadre: Paolo Ciavarro e Antonio Zequila contro gli ultimi arrivati, il finalista Sossio e Teresanna Pugliese. Prima lettera estratta, iniziale delle risposte alle varie categorie scelte, la "C".

Tra i campi scelti, oltre a quelli più tradizionali, anche la voce "Attori". Al momento del controllo delle risposte, Sossio e Teresanna rivelano che sotto la categoria hanno inserito il nome di Cameron Diaz. Un errore elementare, poiché la regola prevede che la lettera scelta sia l'iniziale del cognome dell'artista, non del semplice nome di battesimo. Antonio Zequila allora evidenza lo sbaglio col suo solito fare e Teresanna, sfoderando tutta la sua veracità campana, gli dice:

Si chiama Cameron Diaz, nessuno la chiama Diaz. Meno accanimento, Antonio, che non decidi tu. Gioco a questo gioco da trent'anni e conosco le regole.

Se Sossio decide di non tradire la propria compagna di squadra, sostenendo la teoria di Teresanna, Licia Nunez interrompe la diatriba facendo chiarezza e dando ragione all'amico attore. Valgono solo i cognomi, non i nomi. Ma la stessa regola varrà anche quando si dovranno nominare in confessionale? Per nome o per cognome, in quel caso è sempre valido...

  • shares
  • Mail