Simona Ventura: "Dicevano che mi drogassi. Nel 2020 mi sposo"

La conduttrice di The Voice of Italy si è confessata a Francesca Fialdini: "Certe calunnie rischiavano di rovinare la mia carriera"

Simona Ventura è stata l'ospite di punta della puntata di ieri di Da noi a ruota libera, l'appuntamento della domenica pomeriggio condotto da Francesca Fialdini su Rai1. La conduttrice piemontese ha presentato il libro Codice Ventura, sua seconda autobiografia dopo Crederci sempre, arrendersi mai. La Ventura ha fatto un annuncio che riguarderà lei e il fidanzato, il giornalista Giovanni Terzi:

"Quest'anno dovrebbero accadere molte cose belle. C'è il matrimonio nei miei piani, quindi vedremo. Dove non lo so, quando non lo so, nel 2020, stiamo ancora vedendo. Non ho ancora scelto i testimoni, devo ancora fare tutto. Vorrei fare una grande festa ... Adesso mi prende paura, ma sicuramente accadrà verso la fine dell'anno".

Supersimo ha parlato di alcune maldicenze sul suo conto che le sono costate parte della carriera:

"Sono una persona alla quale sono state fatte una enormità di cattiverie, delle volte sono stata lì lì per soccombere. Ho avuto tante persone che mi hanno voluto bene, ma molti mi hanno fatto smettere di lavorare, quando si diceva che facevo uso di droghe, sono state delle calunnie atte per farmi perdere i figli o potessi perdere il lavoro, per molte volte qualche dirigente ci ha anche creduto, non mi è stata data fiducia, poi alla fine sono riuscita a fare tanto rimanendo fedele a me stessa, non mi sono mai piegata".

 

  • shares
  • Mail