Stefania Pezzopane ha deciso di replicare personalmente agli haters che l’hanno presa di mira per il suo aspetto fisico.

Stefania Pezzopane è stata travolta da una valanga d’insulti via social e ha deciso di replicare personalmente contro gli haters che l’hanno presa di mira per il suo aspetto fisico. “Nana, sei brutta!”, si è vista scrivere la deputata tra i commenti alle sue foto sui social.

“Mi piaccio così come sono. Ho il diritto di non essere bella. Ma non siete stanchi? Non avete vergogna di voi stessi? Non vedete che la vostra meschinità e la vostra bruttezza d’animo vi rende esseri vomitevoli? Vi nascondete dietro lo schermo di un cellulare per scrivermi che sono brutta, nana, vecchia, racchia, ce**a, che faccio schifo!”, ha replicato via social.

Stefania Pezzopane: la replica agli haters

Stefania Pezzopane è tornata insieme al fidanzato Simone Coccia Colaiuta e sui social i due hanno postato alcune foto dei loro momenti di ritrovata serenità. In tanti non hanno però perso occasione per insultare la deputata per il suo aspetto fisico, e a tal proposito lei stessa ha deciso di replicare.

“Piuttosto che provare ad entrare con violenza nella mia vita (vi assicuro, le porte sono sbarrate), fatevi aiutare da qualcuno bravo. Ma proprio bravo perché state messi malissimo. Potete sprecare la vostra vita ad occuparvi della vita degli altri, ma non sarete mai voi a decidere della mia vita e della mia bellezza. Le mie facoltà mentali ed i miei successi non dipendono da quanto io piaccia agli estetisti del web, tutti Brad Pitt ed Angelina Jolie a quanto pare”, ha scritto nelle sue tories. Di recente un episodio simile ha travolto anche il figlio di Gianni Morandi, Marco Morandi, che si era visto costretto a sua volta a replicare via social.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2024 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 16-08-2023


Marracash dimentica Elodie con un nuovo amore: il clamoroso scoop

Pierpaolo Spollon: ‘Ho due figli, ecco perché non lo avevo mai detto’