Scoppiano scintille nello studio di Live – Non è la d’Urso, la trasmissione in prima serata di Canale 5, condotta da Barbara d’Urso. A finire coinvolti nello scontro tv, la conduttrice stessa e l’ex di Gina Lollobrigida, Javier Rigau. Ospite in collegamento da Barcellona insieme alla signora Pilar, colei che l’uomo ha sposato per procura al posto della diva del cinema italiano, Rigau ha alzato sin troppo i toni nell’ultima puntata del talk show. Perché?

Tutto sembra nato da una domanda di Mauro Coruzzi, opinionista nel dibattito, che ha chiesto informazioni circa il ruolo effettivo del manager di Gina Lollobrigida, Andrea Piazzolla, nella vita dell’attrice: un domestico o un amministatore? “Grosero, maleducato“, ha iniziato a urlare successivamente Javier Rigau a Mauro Coruzzi, pare proprio per quell’innocente richiesta di chiarimenti. Talmente innocente, che Barbara d’Urso ha voluto accertarsi con l’uomo se si trattasse realmente di quella domanda. “Cercala, cercala“, l’imperativo dell’uomo, che si è di conseguenza beccato la ramanzina della conduttrice:

Comunque a me non mi parli in questo modo. Primo perché non sono la tua segretaria, secondo perché sono una signora e ti comporti da gentleman con me. Fly down, e sii educato come io sono educata con te. Non urli nella mia trasmissione, altrimenti ci salutiamo.

Mentre quel “fly down” è destinato a diventare virale, tanto quanto il “salutame a soreta, chiudere!” con Sergio Vessicchio e Pietro Delle Piane, i toni si sono poi placati. Ed è venuto fuori che la domanda di Coluzzi che ha fatto innervosire Rigau aveva a che fare con i soliti soldi e le solite vendite controverse di Gina Lollobrigida.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - GOSSIPBLOG

ultimo aggiornamento: 08-06-2020


Vittorio Sgarbi rischia di annegare, salvato in mare da figlia: “È stata bravissima, avevo perso la misura dello spazio” (VIDEO)

Live – Non è la d’Urso, Taylor Mega fa pace con Barbara d’Urso: “Ho indetto una class action contro le truffe social”