Emma: "Potrei anche non tornare mai più bionda, medici mi hanno detto di non tingere capelli""

La cantante si racconta tra famiglia, salute e rapporto con il tempo che passa

Intervistata dal settimanale Sette del Corriere della Sera, che le dedica la copertina, Emma Marrone racconta come ha superato il trauma del cancro alle ovaie, che l’ha costretta ad abbandonare temporaneamente le scene qualche mese fa:

Non potevo non dirlo: ho dovuto cancellare un impegno e qualcuno aveva comprato voli e alberghi per partecipare. Fosse capitato in un momento professionale vuoto non avrei detto nulla. Non sono poi responsabile delle storture fatte da chi va a caccia di clic... Qualcuno è arrivato a pubblicare delle false lastre.

La cantante, diventata popolare grazie alla partecipazione, risalente ormai a dieci anni fa, ad Amici di Maria De Filippi, annuncia che "potrei anche non tornare mai più bionda":

Mi basta sapere che sono bionda dentro. (...) Dopo l’operazione i medici mi hanno detto di non tingerli. Mi sono presa la libertà di farli riposare. E adesso che penso alle ore risparmiate dal parrucchiere sono tentata.

Emma, pronta a salire sul palco di Sanremo 2020 come ospite della prima serata, ammette di aver provato paura:

Come tutte le altre volte. Non cambia mai. Ho fatto una visita di controllo prima di Natale e mi tremavano mani e gambe. E mi succede ogni 3 mesi, quando devo fare le analisi. Ci sono animali che si fingono morti di fronte al pericolo, altri che attaccano prima di essere attaccati: appartengo a questa seconda specie. In sala operatoria sono entrata spaccona e baldanzosa.

Da sempre l'artista salentina nata a Firenze ha sottolineato l'importanza della famiglia per il suo equilibrio:

La famiglia è qualcosa di imprescindibile. E pensare che all’inizio mia mamma non ne voleva sapere di papà: faceva troppo il divo e la rockstar... Per Natale ho deciso di fare loro una sorpresa. Sono scesa qualche giorno prima senza dire nulla. Mio fratello è venuto a prendermi in aeroporto e siamo arrivati a casa che già dormivano. Mi sono messa a cantare a squarciagola Stupida allegria e mi sono buttata nel lettone tipo Hulk Hogan. Erano sbigottiti. Avevo fame, mamma mi ha preparato una minestrina calda e siamo state in cucina a chiacchierare fino alle quattro.

Dopo aver notato che "la gente ha sempre scambiato per cupezza la mia espressione", Emma si definisce "indipendente, generosa, egocentrica". Quindi non ha dubbi sulla concezione del tempo che passa:

Voglio diventare decadente. Con tutta la comprensione per chi si sente bene con un ritocco. Non mi piace andare dall’estetista, i massaggi mi rompono le scatole. Se vado alla spa è perché dentro c’è anche un ristorante da paura e non uno di quelli healthy... Madre natura mi ha graziata e se sono in periodo di ritenzione idrica mi metto un bel pantalone al posto dell’abito. Del resto non ho mai visto mamma truccarsi e ingioiellarsi: lei è sempre stata una da un filo di crema, mascara e via. La odiavo perché non era come le altre mamme, ma adesso mi esce lo stesso atteggiamento: mi ammazzo di creme idratanti e basta.

  • shares
  • Mail