La malinconia di Gustav dei Tokio Hotel


Gustav Schäfer rompe il silenzio sulla rissa di Magdeburgo, dove era stato violentemente colpito da un immigrato di origine albanese in seguito a una lite per una ragazza - o almeno, così pare. La rivista tedesca Bravo ha raccolto le seguenti dichiarazioni del batterista dei Tokio Hotel:


Sto già meglio. Ok, non proprio benissimo, ma comunque meglio. Le cicatrici rimarranno, ma non è poi così grave. Ci sono cose più importanti nella vita.

Cose più importanti come l'accordo milionario che la band ha appena firmato con la Nokia, di cui sarà testimonial - lo rivela Bild. Le indagini della polizia, però, non sono terminate e la dinamica della violenza non è ancora chiara, né il reale motivo del gesto:

Non sono di certo uno sciupafemmine di cui essere invidiosi. La bottiglia e le schegge di vetro potevano anche finirmi nell'occhio. E posso essere felice che non mi abbiano colpito davanti, ma dietro la testa... Per me è sempre stato molto importante avere una vita privata, senza guardie del corpo che mi stiano incollate a ogni passo. Non volevo perdere il rapporto con il mio vecchio mondo. Ma adesso non so ancora come farò in futuro.

Fonte: Bravo

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: