Nuovi guai per Britney Spears. Dopo aver effettuato alcuni esami ordinati dal giudice che si occupa della custodia dei suoi figli, la cantante è risultata positiva all’uso di droga, in particolare di anfetamine. Naturalmente le persone che lavorano per Brit ci tengono a precisare che si tratta di un falso positivo. In un primo momento hanno affermato che l’errore era stato causato dal Provigil, un farmaco utilizzato per combattere la narcolessia. Ma, secondo i tipi di TMZ, una medicina del genere non avrebbe mai potuto causare un falso positivo. E allora di chi è la colpa? Secondo un portavoce di Britney, il nuovo imputato sarebbe una medicina usata per combattere l’asma, l’Albuterol. Ma anche questo, secondo gli esperti, non sarebbe comparso nelle analisi a meno che non lo si stesse cercando.

Narcolessia? Asma? Chi l’avrebbe mai detto che Britney se la passava così male.

Foto The Superficial
Via TMZ

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto