Fabrizio Corona, messaggio a Studio Aperto: "Querelo tutti quelli che hanno detto che ho pianto"

Fabrizio Corona si è costituito alle autorità portoghesi, mettendo definitivamente fine alla fuga a seguito della conferma della condanna per 5 anni per estorsione aggravata ai danni del calciatore francese, David Trezeguet.

Pur ammettendo di avere timore delle carceri italiane, soprattutto dopo aver peggiorato la sua situazione con la latitanza (adesso Corona sconterà molto probabilmente oltre sette anni di reclusione), l'agente fotografico non rinuncia alla sfrontatezza e alla durezza che hanno sempre contraddistinto il suo personaggio.

Questo è il messaggio che Corona ha spedito alla redazione di Studio Aperto, telegiornale di Italia 1. L'agente ha intenzione di querelare tutti i media che hanno riportato la notizia delle presunte lacrime di Corona:

Amici di Studio Aperto mi trovo nel carcere di Lisbona sto bene sono tranquillo mi sono consegnato spontaneamente. Querelo ogni persona che si permette di dire che ho pianto, il Corriere della Sera, il Sole 24ore, il Resto del carlino. Sono tranquillo, sono sereno, non ho paura, non ho pianto e sono pronto a combattere la mia battaglia. Per favore dite da oggi in poi soltanto la verità che vi comunicherò.

In attesa di conoscere ulteriori sviluppi della vicenda, nella foto sopra possiamo vedere nel dettaglio la fuga di Fabrizio Corona: come possiamo notare, in Francia fu già possibile localizzarlo grazie all'antifurto satellitare GPS, di conseguenza, Corona era probabilmente già conscio che la sua fuga non avrebbe potuto avere un seguito.


Fabrizio Corona si è costituito


La Repubblica

ha tentato di ricostruire la fuga di Corona che, dalla palestra di Corso Como, l'ha condotto in penisola iberica. Si legge:

Sull'episodio la polizia ha precisato che Corona, vistosi braccato, ha anticipato l'arresto consegnandosi alla polizia portoghese. Investigatori della squadra mobile, infatti, erano in Portogallo da alcuni giorni, e stavano già sulle sue tracce. "Più che costituito si è arreso", è il commento dei vertici milanesi della Questura. Secondo la ricostruzione della fuga fatta dalla polizia Corona, dopo aver lasciato la palestra milanese, sarebbe rimasto per qualche ora nel capoluogo lombardo. Quando ha saputo che la condanna era diventata definitiva, prelevata una grossa somma di denaro, ha deciso di fuggire e, accompagnato dall'autista, è riuscito ad attraversare il confine con la Francia. Da lì ha successivamente raggiunto il Portogallo.

Fabrizio Corona: "Sono in Portogallo. Mi sto consegnando spontaneamente alle autorità"


Potrebbe finire a minuti, la latitanza di Fabrizio Corona che, arrivato in Portogallo dopo 4 giorni di viaggio, si starebbe consegnando alle autorità competenti come si apprende da un videomessaggio rilasciato a SocialChannel. Anche Gabriele Parpiglia, amico di Corona, ha confermato l'ipotesi a Tgcom24:

Per quel che mi risulta la caccia all’uomo finirà questa mattina. Fabrizio dovrebbe essere a Lisbona o nei pressi della Città, ma presto la situazione verrà chiarita. Si tratta di una decisione consequenziale al fatto che si tratta di una persona che non è un criminale capace di sostenere una latitanza.

All'amico attore e regista Massimo Emilio Gobbi, Corona aveva confessato di voler uscire di scena come Scarface (Fonte Il Giornale):

Quando sono arrivato nella sede della sua società si è sfogato, parlando delle sue battaglie giudiziarie, dei suoi errori, persino di quanto gli era costato l'avvocato. Poi, a bruciapelo, mi ha chiesto: 'Max, ma se io scappo e muoio sul campo, lo divento o no un mito?'. Gli ho risposto che di miti morti ce n'erano tanti, troppi. E che, facendo quella scelta estrema, lui sarebbe stato ricordato solo come un gran coglione. Lui però, troppo affascinato dall'idea cinematografica della fuga, da Scarface, potrebbe commettere davvero una sciocchezza. Non so dove sia, ma da quel giorno non dormo più.

Si attendono sviluppi sulla vicenda!

Fabrizio Corona: che fine ha fatto?


Di Fabrizio Corona si sono perse completamente le tracce dalla condanna di 5 anni per tentata estorsione ai danni del calciatore Trezeguet. Il settimanale Oggi rivela che l'ex re delle paparazzate sarebbe 'stato avvistato lunedì nella località turistica di Santo Domingo', precisamente a Casa de Campo. Ma è solamente uno degli ultimi tasselli per localizzare l'ormai latitante Corona. I Pm escludono che si sia rifugiato nel Milanese pronto a costituirsi nelle prossime ore. La Procura generale di Torino ha firmato il mandato di cattura internazionale, convinta che Fabrizio si trova all'estero, ma non fuori dall'Europa. La Repubblica riporta che "potrebbe cercare rifugio in Portogallo, non lontano da Lisbona, da alcuni suoi amici molto facoltosi, a cui aveva chiesto da giorni aiuto".

[Aggiornamento a cura di Sebastiano Cascone]


Fabrizio Corona, la situazione si aggrava: oltre 7 anni di carcere sicuri


La decisione di sottrarsi alla giustizia e di darsi alla latitanza, con una fuga che ha inevitabilmente attratto l'attenzione dei media, comporterà conseguenze molto serie a Fabrizio Corona sul quale è stato spiccato un mandato di cattura internazionale.

Come ben sappiamo, Corona si è reso irreperibile a seguito di una condanna a oltre 4 anni di reclusione per estorsione aggravata ai danni di David Trezeguet, all'epoca calciatore della Juventus.

Dopo la fuga, però, la situazione è diventata decisamente pesante: per Corona, infatti, sono stati sospesi i servizi sociali e in caso di arresto, dovrà scontare oltre sette anni di carcere sicuri.

Per l'agente fotografico, che dopo la scandalo Vallettopoli si è riciclato nelle vesti di attore, cantante, editore, imprenditore, personaggio di reality show e tanto altro ancora, è scattato, infatti, il cumulo delle pene che ammonta precisamente a sette anni, dieci mesi e diciassette giorni di reclusione.

Su alcune condanne definitive, sempre legate a vicende di fotografie e ricatti e anche detenzione di banconote false, infatti, Fabrizio Corona ottenne, dal Tribunale di Sorveglianza di Milano, l'affidamento ai servizi sociali, sospeso dopo la fuga.

In breve, niente più benefici: se Corona dovesse tornare, sconterebbe le sue condanne unicamente in carcere. Da aggiungere, inoltre, che i processi a carico di Fabrizio Corona non sono ancora terminati: potrebbe aggiungersi, infatti, una nuova condanna a 3 anni di reclusione per frode fiscale e bancarotta per il fallimento della Corona's.

Su questi vicenda dai tratti assurdi, sulla quale perfino i bookmakers stanno lanciando scommesse, due punti sono decisamente chiari: la scelta inopportuna (si tratta di eufemismo) di Corona di darsi alla latitanza e peggiorare ulteriormente la sua situazione e l'operato discutibile (anche in questo caso si tratta di una circonlocuzione) delle autorità che hanno perso di vista una persona che dichiarò le sue intenzioni di fuga perfino in televisione.

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: