Al settimanale Visto, in edicola oggi, Maria De Filippi ha ammesso pubblicamente di non aver mai pensato, in passato, ad un futuro in televisione e che il marito Maurizio Costanzo ha voluto tirar fuori il proprio ego artistico tanto da diventare, nel giro di pochi anni, una vera e propria miniera d’oro per Mediaset (“Mi ha proposto di venire a Roma a lavorare con lui. Mi ha insegnato molto, ma non mi ha mai forzato di assomigliare a lui”):

La tv non era nei miei piani, Davanti a casa mia c’era un benzinaio e spesso stavo con lui. Pensavo che quel mestiere fosse fonte di grandi guadagni, il suo portafogli era sempre pieno di banconote… Al liceo non studiavo, copiavo sempre. All’Università sono diventata una secchione.

Le sue trasmissioni, spesso, sono state accusate di voler a tutti i costi avvicinarsi al popolo con le sue storie intime e condivise senza filtri oltre l’apparecchio televisivo come nel caso di Uomini e Donne e C’è posta per te:

Fare programmi nazional popolari non mi offende, mi lusinga. Chi mi critica è snob, miope. Uomini e Donne non va giù a nessuno, il tronista non piace neanche a me, ma evito di pensare continuamente che sono meglio di lui.

Ben diverso, invece, l’approccio con gli allievi di Amici:

Spero che ai ragazzi a casa arrivi il messaggio che per farcela nella vita bisogna faticare. Con i miei ragazzi c’è un rapporto paritario (nell’intervista si fa specifico riferimento a Marco Carta, Valerio Scanu, Emma Marrone, Alessandra Amoroso e Pierdavide Carone, ndb), per questo con loro ho vissuto i pianti, le crisi, le difficoltà.

Siam sicuri, quindi, che la De Filippi rappresenti il male assoluto della nostra tv? Dopo questa accorata ‘ammissione di colpa’, sarà, ancora una volta, condannata o assolta da fan e detrattori?!

Fonte | via Tgcom24

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto