Vanna Marchi è tornata libera. L’ex teleimbonitrice, che era stata condannata definitivamente a una pena di oltre sette anni di carcere e che da tempo era in regime di semilibertà, da ieri è una libera cittadina. Il giudice del Tribunale di Sorveglianza di Milano Roberta Cossia, infatti, ha accolto la richiesta del difensore della ex regina delle televendite smascherata da Striscia la notizia, l’avvocato Liborio Cataliotti: concessa alla 70enne la sospensione dell’esecuzione della pena in attesa dell’affidamento in prova ai servizi sociali.

Ecco le prime dichiarazioni di Vanna Marchi:

Finalmente potrò stare con mia figlia Stefania e accudirla. Domani rientra in ospedale e avrà bisogno di me. Sono contenta perchè potrò occuparmi di lei.

La donna si è fatta intervistare nei pressi del bar milanese di suo genero, in via Napo Torriani, dove da quando è in regime di semi libertà lavora come barista:

Ringrazio il mio avvocato e il giudice che ha capito e che ringrazio finchè vivrò. Il mio è stato un giudice donna, con una sensibilità impagabile e brava. Ed è per questo che da oggi sono libera per stare con mia figlia. So che ci sono tanti politici che si lamentano della giustizia e dello stato delle carceri. Affari loro… Io sono Vanna Marchi.

L’ex regina delle televendite ha assicurato che tra i suoi progetti futuri non c’è un ritorno in tv, mentre non ha voluto raccontare i 7 anni anni “indimenticabili” vissuti in galera.

Per la cronaca ricordiamo che il provvedimento di sospensione è stato deciso perché con la riduzione della Cassazione e l’indulto, la pena residua nei giorni scorsi era arrivata di poco sotto i tre anni. Per questo il legale ha potuto avanzare la richiesta di affidamento in prova ai servizi sociali e quella di sospensione dell’esecuzione in attesa dell’affidamento.

Insieme alla figlia, Vanna Marchi ha truffato in cinque anni circa 300 mila persone per un totale di 33 milioni di euro.

Foto | TM News

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto