Irene Ferri dopo lite con edicolante: "Sono sotto choc, lei era una furia"

Il Messaggero riporta le dichiarazioni fatte dall'attrice agli inquirenti che indagano sulla lite con l'edicolante di domenica scorsa a Roma

Come è andata davvero la lite avvenuta domenica scorsa a Roma tra Irene Ferri e un'edicolante di cui ieri Il Messaggero ha raccontato? Proprio il quotidiano capitolino dà conto oggi delle dichiarazioni che l'attrice - finita in ospedale in seguito all'episodio in questione - ha reso agli inquirenti intervenuti sul posto, allertati da alcuni negozianti:

Quella donna era una furia, sono sotto choc. Ero in fila per acquistare una rivista, avevo anche estratto cinque euro (il costo del magazine, ndr) per pagare senza far aspettare i clienti dopo di me. C'era però gente e così ho lasciato il giornale all'edicola e sono andata via, senza dire nulla. All'arrivo all'attraversamento pedonale sono stata prima fermata da dietro e poi sono stata colpita al volto. Assurdo, non c' è stata nessuna discussione.

Visualizza questo post su Instagram

Buongiorno, buon ultimo giorno di questo incredibile Anno! Per questo 2019 io sono grata! Sì, lo sono fino in fondo. Lo sono nonostante quello che é successo negli ultimi giorni. Forse lo sono ancora di più proprio per ciò che é accaduto. Perché mi ha fatto capire ancora una volta e ancora di più quanto sia importante la tolleranza, il rispetto, il valore di ciò che si ha e che si può perdere in un attimo senza che dipenda dalla nostra volontà. Ecco da questa finestra che si apre sul futuro vi auguro un 2020 ricco di giustizia, di pace, di amore e cura verso voi stessi e verso chi ne ha più bisogno, chi ci vive accanto, il famoso Prossimo. PS: Detto ciò, devo però anche pubblicare il comunicato ufficiale dell'avv. Cesare Gai, poiché la notizia su ciò che é accaduto in piazza Risorgimento due giorni fa e riportata da molti giornali non é corretta, né veritiera. Grazie #ireneferri sempre e comunque #brunette ❤️

Un post condiviso da Irene Ferri (@ferri.irene) in data:

Dunque, stando alla versione della Ferri, rilanciata anche su Instagram, si sarebbe trattata di un'aggressione alle spalle, immotivata. L'edicolante coinvolta nella vicenda, dovrebbe essere sentita dagli agenti del commissariato Borgo, chiamati a ricostruire l'esatta dinamica dei fatti.

L'avvocato della Ferri sostiene che i testimoni sarebbero "almeno una decina", ma, secondo Il Messaggero, gli investigatori si starebbero concentrando anche sulle telecamere di videosorveglianza che sarebbero presenti sulla piazza.

  • shares
  • Mail