Enzo Salvi insultato sui social dopo la morte del suo cane: "Mi hanno detto che stavo esagerando"

"Sto male perché tu mi hai insegnato il significato di essere forte anche nei momenti difficili" la lettera dell'attore per il suo amico a quattro zampe letta a Storie Italiane.

Gli haters ancora una volta disturbano un personaggio del mondo dello spettacolo, stavolta è Enzo Salvi a finire nel mirino dei leoni da tastiera che hanno puntato il dito contro addirittura per come l'attore ha manifestato il suo dolore per la morte del suo cane, Victor. Stamani durante la puntata di Storie Italiane su Rai 1 l'artista è stato ospitato per capire il caso.

Si sa che gli amici a quattro zampe diventano parte integrante di una famiglia, come un figlio, così è stato anche per Salvi che tuttora soffre per la perdita: "Per me era un angelo sceso dal cielo, siamo fortunati ad avere un cane" ma il suo sfogo sui social non è stato preso bene da alcuni utenti ritenendo che la sua esposizione è stata eccessiva: "Tanti simpaticoni mi hanno detto che stavo esagerando, che era solo un cane, cose che fanno male…"

La replica dell'attore è forte:

Rispondo solo di vergognarsi soprattutto in questo periodo dove una signora di 90 anni è costretta ad andare in giro con la scorta perché sta ricevendo degli insulti. Metterei loro con una ciotola di pane e acqua chiusi in una cella, così abbiamo risolto il problema.

Salvi quindi si è rimboccato le maniche senza far pesare troppo le malelingue del web dedicando al ricordo del suo Victor un'emozionante lettera che ha commosso gli ospiti:

Sto male Victor, sto male perché il tuo guinzaglio ciondola in un maledetto vuoto che non sarà mai più colmato. Sto male perché sei stato l’unico che nei giorni di dolore non si è mai allontanato dal mio letto. Sto male perché alcune volte ti ho rimproverato e adesso ti giuro che non vorrei averlo mai fatto. E sto male perché tu mi hai insegnato il significato di essere forte anche nei momenti difficili. Sto male, sì sto male perché sei stato un dono divino, perché sei stato l’amico di tutti, perché drammaticamente mi manchi. Perché siamo stati una cosa sola. Perché oggi ti chiamo Victor e tu non arrivi. Sto male Victor perché il tuo posto è freddo e vuoto e quella che prima era la tua cuccia adesso è il mio cuore e lo sarà per sempre.
  • shares
  • Mail