Roberto Anselmi Fiacchini, l'avvocato: "I coniugi hanno rinunciato alla separazione. Sono tornati a vivere come marito e moglie"

Roberto Anselmi Fiacchini e la moglie Emanuela Vernaglia sono ancora assieme dopo la crisi coniugale degli scorsi anni

L'avvocato Anna Maria Anselmi, legale di Roberto Fiacchini, il figlio adottivo di Renato Zero, è intervenuta, oggi, martedì 22 ottobre 2019, a 'Storie italiane' su Rai1, per fare il punto della situazione sulla vicenda giudiziaria che vede protagonista l'uomo, ad oggi, accusato di maltrattamenti in famiglia:

Avvocato: "La vicenda risale al 2012 quando la coppia ha avuto una crisi coniugale culminata con la separazione. Gli animi erano accesi. C'erano delle discussioni per gli assegni di mantenimento, la casa, la vita coniugale. Se una coppia arriva a separarsi ci sono delle situazioni difficili. In questo contesto, la moglie di Roberto presentò una denuncia querela indicando alcuni episodi, senza far riferimento a violenze fisiche, ma solo verbali e psicologiche, contrasti nell'educazione dei figli. L'accusa è stata, poi, formulata in maltrattamenti in famiglia. E' un'accusa pesante anche se non c'erano basi per violenza fisica".

Il giudice ha chiesto un anno e 4 mesi di reclusione per Roberto. Il prossimo 11 novembre, sono attese le repliche a la sentenza definitiva:

Avvocato: "Con la denuncia inizia un procedimento. E' stato il pubblico ministero ha individuato questo tipo di accusa. Questo procedimento va avanti da sola indipendentemente dal volere delle parti. Dopo un anno, la signora ha rinunciato alla costituzione di parte civile. Ha dichiarato al giudice, eventualmente, rimettere la querela. Dopo sette anni, siamo ad una situazione ribaltata. La comunione coniugale si è ricostituita. I coniugi hanno rinunciato alla separazione. Loro sono tornati a vivere come marito e moglie".

  • shares
  • Mail