Mika: "Mia mamma è molto malata, ma la musica mi ha nuovamente salvato"

Il cantante, ospite da Mara Venier, ha spiegato di come la musica lo abbia aiutato a superare molte vicissitudini personali tra cui la malattia della madre.

Anche Mika ospite nel salotto di Mara Venier a Domenica In, questo pomeriggio. Il programma domenicale di Rai 1, infatti, ha avuto ospite il cantante che ha voluto raccontare del suo nuovo album, My Name Is Michael Holbrook, oltre che delle sue ultime vicissitudini personali:

\"Quando ho iniziato a scrivere la prima canzone del mio album mi ha chiamato mio papà. Io mi ero isolato da almeno un anno per scrivere questo album quindi la sua chiamata mi ha preso alla sprovvista. Mi ha detto: \"Vieni a Dubai perché abbiamo un problema\", e così ho scoperto che mia mamma stava molto male, doveva essere operata\"

La mamma di Mika al momento è molto malata, e a tal proposito Mika spiega:

\"Nel corso della scrittura del mio album la mia vita personale si è complicata tantissimo. Ho perso le mie nonne, tanti amici, e nel frattempo mia mamma è diventata ancora più malata. La mia risposta è stata scrivere canzoni non malinconiche ma da fuochi d\'artificio, energia, colore\"

Sempre a proposito del suo album, Mika aggiunge:

\"Anche per i miei problemi di vita personali ultimamente ho deciso di tornare dalla mia amica più fidata, dalla musica\"

La mamma di Mika è inoltre parte integrante del disco, perché è stato lo stesso Mika a volerle dedicare l\'album e a volerle fare anche registrare qualcosa:

\"Ogni due mesi pensavo che mia mamma sarebbe guarita invece non era così. Vedere la fragilità di una donna che ti ha sempre spinto e che è sempre stata forte è una cosa terrificante, ma non ho volto nascondermi. [...] Lei ha avuto un intervento gravissimo sul cervello, 3 settimane dopo ho preso dei microfoni e le ho messo un microfono davanti a lei e in 3 ore e mezza, nonostante mi guardasse male, ha deciso di fare quello che le ho chiesto e ha cantato. Poi mi ha chiamato qualche giorno dopo e mi ha detto: \"Se con quella registrazione ci fai qualcosa di triste non ti perdonerò mai\". [...] Quattro mesi dopo ha sentito il pezzo registrato e mi ha nuovamente chiamato dicendomi: \"Sei uno stronzo. Se sapevo che sarebbe uscita una cosa così bella avrei cantato meglio perché ora tutti penseranno che canto male invece avrei potuto cantare anche meglio\".
  • shares
  • Mail