Gianna Nannini: "Ho provato tutte le droghe, tranne l'eroina. Alla parola 'gay', preferisco 'frocio'"

La rocker si racconta a Vanity Fair, rivelando aspetti inediti della sua vita, anche privata

"L’unico ad avermi capito davvero a 14 anni, quando cercavo il mio posto nel mondo e mi sbattevo tra un provino e l’altro, fu Mike Bongiorno. “Questa ragazza ha qualcosa”, disse al concorso delle voci nuove". Inizia con questo aneddoto sui suoi esordi l’autobiografia di Gianna Nannini, pubblicata come storia di copertina del numero di Vanity Fair in edicola da domani, mercoledì 2 ottobre, a pochi giorni dal lancio di La differenza, singolo di debutto del nuovo omonimo album.

Si tratta del ventesimo per la rocker toscana, il primo inciso oltreoceano, a Nashville, Tennessee, dopo averlo creato in soli tre mesi a Londra, la sua città, ma non a casa bensì in una stanza in affitto:

Cercavo un posto in cui Penelope, mia figlia, non entrasse ripetendo “mamma, quando smetti di fare la cantante?” e in cui essere libera. Tutte le donne dovrebbero avere una stanza solo per respirare, immaginare, scrivere.

La Nannini ha raccontato le difficoltà vissute quando da Siena si trasferì, giovanissima, a Milano:

Mantenersi, all'inizio, non fu facile», ricorda su Vanity Fair. Mio padre mi aveva promesso una macchina se avessi conseguito il diploma prima del previsto. Feci due anni in uno e a 18 anni, con la Lancia regalata da papà, scorrazzavo in questa città tutta nuova facendomi rubare l’autoradio per incassare i soldi dell’assicurazione. La lasciavo in bella vista sul sedile del passeggero, ogni tre mesi qualcuno regolarmente spaccava il vetro e io incassavo felice i soldi dell’assicurazione.

Dopo rivelato che il verso "i maschi disegnati sul metrò/ confondono le linee di Mirò" nacque per caso ("A mia madre piaceva Miró, vidi questi cazzi disegnati sui vagoni a Milano e mi venne in mente"), la cantante ha spiegato:

Da ragazza non mi piacevo ed evitavo di guardarmi allo specchio. Mi vedevo brutta. Il naso lungo, le tette che di diventare grandi non volevano proprio saperne, lo sviluppo che tardava ad arrivare e un canone estetico che non collimava con quello in voga. L’adolescenza è un’età terribile. Come rimani male nell'adolescenza, dopo non rimani più. Il primo amore, e chi se lo dimentica? Ti sorprende puro, senza meccanismi di difesa. Un ragazzo che mi fece incazzare e a cui in realtà piaceva un’altra: son quelle cose che ti capitano a 14 anni e ti fanno decidere di diventare cantante.

Ed ancora, su temi come omosessualità e coming out:

Ami gli uomini? Ami le donne? Sempre le stesse domande, davanti alle quali uno vorrebbe dire soltanto: “Ma te li fai i cazzi tuoi?”. Eppure sarebbe semplice: a me le divisioni, a partire da quelle di genere, non mi hanno mai interessato granché. Ho sempre amato uomini e donne e soprattutto non ho mai avuto freni nel sentire e seguire quello che volevo. Le ho sempre rifiutate, le definizioni. Al termine “coming out”, che ghettizza, ho sempre preferito la parola libertà. Alla parola gay, che ti pretenderebbe felice e ormai non usano più neanche in America quando indicono un pride, preferisco frocio. Chi è libero nel linguaggio è libero dentro.

Poi il racconto sul momento più difficile della sua vita:

Tutti mi dicono che so’ pazza, ma credo semplicemente che quando uno è sé stesso sembra matto. La follia è un’altra cosa. Io l’ho sperimentata e ho sperimentato anche la schizofrenia. So cosa sono. Mi è capitato di morire e poi rinascere. All'inizio degli anni ’80 sono stata molto male. Ero piena di paranoie, vivevo una crisi profonda, avevo un io diviso, uno stato mentale alterato e paura di ogni cosa, come una bambina. Ero divisa a metà e a tratti riaffioravano frammenti dell’infanzia a cui non avevo dato nessuna importanza. Quando ero piccola mio padre mi diede uno schiaffo e mi tolse una pasta con la crema dalle mani. Fu una tragedia inconscia, che interiorizzai. Per anni non ho più toccato una pasta alla crema, mi terrorizzava la sola idea

Infine, la confessione a proposito della dipendenza dalle droghe:

Tranne l’eroina, le ho provate tutte. Dalla cocaina, per un po’ di tempo, quasi quarant’anni fa, sono stata dipendente. Ero a Londra e ce la portavano in studio con la stessa semplicità con cui oggi ti consegnerebbero un panino. Non stavo mai senza, ci viaggiavo, ero del tutto incosciente. Un giorno vado in bagno e mentre scarto il sasso rosa, quello mi cade nel cesso. Lo vedo sparire nell'acqua e, mentre si scioglie lentamente e sto per metterci le mani dentro, mi dico: “Non posso fare questa cosa, non posso ridurmi così”. Ho smesso lì. Il giorno dopo. Poi ho avuto una ricaduta, ma dopo aver fatto un tiro e aver bevuto una tequila prima di un concerto, collassai e dissi definitivamente basta.

  • shares
  • Mail