Giovanni Conversano contro Serena Enardu: "Per anni lei e sua sorella Elga hanno vissuto della mia luce riflessa"

L'ex tronista critica il comportamento della sua ex fidanzata. I due sono stati fidanzati dal 2007 al 2009

Giovanni Conversano, ex tronista storico di Uomini e Donne, rivede la sua ex fidanzata Serena Enardu a Temptation Island VIP con il suo fidanzato Pago. E' subito chiaro che Giovanni non sembra più nutrire simpatia per lei. Lo dicono le parole che ha rilasciato sui social già dopo la prima puntata del reality show andato in onda il 9 settembre scorso

Conversano però è tornato a parlare e lo ha fatto dalle colonne del settimanale Nuovo, coinvolgendo anche la sorella di Serena, Elga:

Per anni hanno vissuto della mia luce riflessa e ora tornano a parlare della mia storia con lei per spostare l’attenzione su di me, distogliendola da quello che la mia ex fidanzata sta facendo a Temptation Island Vip. Non ho bisogno di farmi pubblicità: oggi sono un uomo realizzato e sereno, ho le mie tre aziende da gestire e una bella famiglia. Lei, invece, non so nemmeno di cosa viva…

Giovanni sembra osservare le gesta della sua ex ma le sue critiche non sembrano fermarsi qui:

Dopo tutti questi anni i nodi vengono finalmente al pettine. Quando la gente mi chiede che cosa pensi di lei, rispondo che è la donna che è sempre stata. La nostra storia era finita perché mi aveva accusato di averla tradita con Pamela Compagnucci, anche se non era vero. A quanto pare oggi lei sta tradendo il suo compagno Pago con un tentatore di Temptation Island Vip.

L'uomo racconta la sua verità parlando di come ha vissuto la relazione con Serena

Quando stavamo insieme mi ha fatto passare per un demonio assetato di popolarità mentre lei sì atteggiava a santarellina. Sono sempre stato un uomo molto concreto e ho sempre saputo che il successo e la popolarità sono un qualcosa di effimero e che sarebbero potuto finire da un momento all'altro.

Così è giunta la fine:

Lei ha cominciato a rilasciare interviste sui giornali per gettare fango su di me; io, al contrario sono rimasto al mio posto in silenzio, aspettando che fosse il tempo, a raccontare chi fossimo realmente. Non sono un santo. E non lo sono tirai stato, ma non mi sono mai permesso di giudicare gli altri, lei compresa.

Senza aggiungere una parola di più, conclude: "Per me Serena e un capitolo chiuso".

 
  • shares
  • Mail