Domenica In, Gina Lollobrigrida: "Io e la mia violenza sessuale, una sofferenza ancora viva oggi"

Una lunga intervista di Gina Lollobrigida a Domenica In, nella quale l'attrice racconta di uno dei momenti più dolorosi della sua vita: la violenza sessuale subita quando era molto giovane.

Una lunga intervista quella rilasciata da Gina Lollobrigida a Mara Venier, questo pomeriggio a Domenica In. Un'intervista fortemente voluta dalla stessa Gina per poter finalmente raccontare la verità su ciò che le sta accadendo in questi ultimi anni, ossia del suo "vero amico", come lo definisce lei, Andrea Piazzolla, il suo giovane collaboratore del quale tanto si era già parlato in passato poiché la famiglia di Gina, i figli e i nipoti in particolar modo, pensavano che lui la plagiasse.

Ciò che tuttavia colpisce è l'iniziale racconto di Gina Lollobrigida a Mara, che per prima cosa ritorna su quello che è stato uno dei momenti più difficili e dolorosi della sua gioventù; una violenza sessuale:

"Io non ero innamorata di mio marito. L'ho sposato perché avevo avuto un'esperienza molto negativa e me la sono portata dietro. Volevo una vita normale, così anche se non era un grande amore ho cercato, sposandolo, di dimenticare quella brutta esperienza"

Una brutta esperienza, spiega Gina Lollobrigida, della quale in quegli anni, quando lei era giovane, non si poteva parlare:

"Non ne ho parlato prima perché non si poteva, ora sono altri tempi, se ne può parlare ed io ne ho parlato. [...] Lui era un mio fidanzato, che però mi sono accorta che avesse già un'altra fidanzata che avrebbe sposato a breve, e quindi io mi sono allontanata. Per me era molto difficile dimenticarlo perché era un amore vero, anche se tra noi non era successo niente perché all'epoca non c'era tutta questa libertà che c'è oggi. L'ho nuovamente incontrato dopo due anni, mentre uscivo dall'Accademia di Belle Arti e lui, dopo avermi salutato, mi ha detto che avrebbe tenuto una festa a casa sua, che io non conoscevo, e mi ha invitato. Io, contenta di non sentire più un amore per lui, sono andata, però mi sono accorta che ero invitata solo io. Mi deve aver dato qualcosa, da bere, e ho perso conoscenza. Mi sono risvegliata purtroppo nuda a letto, quindi ho capito che doveva esser successo qualche cosa"

Una sofferenza che Gina si è portata avanti per anni e che ancora è palese oggi, mentre racconta della sua violenza sessuale. "Oggi che si può si deve subito denunciare", conclude Gina Lollobrigida rivolgendosi alle vittime di oggi.

  • shares
  • Mail